Aqua Italia, Fabrizio Leoni confermato presidente

L'assemblea dello scorso 2 dicembre ha visto la conferma di Fabrizio Leoni come presidente di Aqua Italia, l'associazione che rappresenta all’interno di Anima Confindustria i costruttori di impianti, apparecchiature, accessori, componenti e prodotti chimici per il trattamento delle acque primarie non reflue.

Confermata anche la squadra dei vicepresidenti, composta da Lauro Prati (Culligan Italiana Spa), Lorenzo Sarvello (Brita Italia Srl) e Lorenzo Tadini (Bwt Italia Srl). Una novità invece nel gruppo consiglieri: i già presenti Cesare Giuliodoro (Blupura Srl) e Luigi Salarolo (Pentair Water Italy Srl) saranno affiancati da Roberta Panariello (De Nora Water Technologies Italy Srl).

Laureato in Economia aziendale, Fabrizio Leoni nasce il 24 febbraio 1976 a Milano. Attivo già da diversi anni all’interno di Aqua Italia, ha iniziato la sua carriera nel 2006 in Eurotrol spa, società attiva nella distribuzione di componenti per il trattamento acque, come Assistente del General Manager fino al 2010. Dal 2010 al 2013 è stato CEO della Colibris srl, società di distribuzione di valvole per il trattamento acque. Dal 2013 al 2022 ha ricoperto il ruolo di CEO della Eurotrol spa e dal 2018 al 2022 ha ricoperto la carica di CEO della MWG srl. Oggi ricopre la carica di CCO della Eurotrol spa. Impegnato anche in ambito sociale dal 2021 è AD con delega allo sviluppo territoriale della Homes4all società B-Corp impegnata nel social housing e nella rigenerazione urbana.

«L’obiettivo per i due anni a venire – dichiara il presidente Fabrizio Leoni – sarà di proseguire nel percorso intrapreso come associazione durante il precedente mandato. Continueremo a monitorare attentamente gli sviluppi sul bonus acqua potabile, prorogato anche per il 2023, auspicando che possa diventare una misura strutturale negli anni seguenti e che venga esteso ai condomini, a oggi ancora esclusi, e sui vari bonus edilizi come Ecobonus e Superbonus, anche se per quest’ultimo, la diminuzione dell’incentivo dal 110% al 90% a partire dal prossimo anno rischia di danneggiare pesantemente il nostro settore.

Aqua Italia continuerà inoltre a mantenere aperti i tavoli di lavoro con enti e istituzioni tra cui il Ministero dell’Ambiente per l’elaborazione dei CAM per i Distributori Automatici di alimenti e bevande, il Ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità riguardo il recepimento della nuova Direttiva europea sull’acqua potabile. Infine, sul tema dissalatori, la nostra associazione ritiene fondamentale un intervento in tempi rapidi da parte del Governo per promuovere in maniera capillare nel nostro Paese questa soluzione, già diffusa in Medio Oriente, Israele, Cipro, Malta e Spagna, utile a fronteggiare al meglio le sempre più frequenti emergenze idriche, in particolar modo nei mesi estivi».

Tutte le news dall'associazione
Un anno di AQUA ITALIA
21 dicembre 2022
Un anno di AQUA ITALIA
Un anno di Aqua Italia
19 dicembre 2021
Un anno di Aqua Italia
AQUATECH Amsterdam 2019
19 novembre 2019
AQUATECH Amsterdam 2019
Chioschi dell'acqua
16 luglio 2019
Chioschi dell'acqua
Ecobonus
16 luglio 2019
Ecobonus