Un anno di Assosegnaletica

Highlitght 2021

Anche in questo anno particolarmente complicato per le imprese, l’impegno di Assosegnaletica per la promozione della cultura della segnaletica stradale verso gli enti gestori delle strade, le istituzioni e la politica non è mancato, con la consapevolezza che nei prossimi 3/5 anni il nostro Paese avrà  la grande opportunità di migliorare la Sicurezza delle nostre infrastrutture stradali e autostradali, finanziando con i prossimi fondi Europei progettazioni mirate e piani di rottamazione di tutti gli impianti segnaletici fuori uso e vetusti. In questo modo non si migliorerà  solo la sicurezza e il decoro delle nostre strade, ma si attiveranno percorsi virtuosi di economia circolare e sostenibile recuperando con intelligenza materiali ancora utili a nuove produzioni ed utilizzando sempre più materiali non dannosi per l’ambiente . 

Analizzando la sicurezza sulle strade italiane, i maggiori problemi riguardano la segnaletica stradale. Alla diligenza con la quale gli Enti devono provvedere alla posa della segnaletica, deve corrispondere la cura attenta e sistematica del patrimonio segnaletico esistente, per mantenerlo sempre in piena efficienza. Non lo dice solo Assosegnaletica, ma anche il Parlamento Europeo che nel mese di ottobre  ha approvato una serie di proposte per rendere le strade dell’UE più sicure e raggiungere l’obiettivo di zero morti su strada entro il 2050.

Tra le proposte, ne segnaliamo in particolare due perché sono istanze su cui Assosegnaletica Anima Confindustria si batte da anni:

1. creare fondi nazionali per la sicurezza stradale, quali meccanismi per la riscossione delle ammende in base ai codici della strada dei singoli Paesi e per la ridistribuzione dei fondi raccolti a favore della sicurezza stradale;

2. accelerare i lavori sulle specifiche UE per le prestazioni della segnaletica verticale e orizzontale al fine di gettare le basi per un livello più elevato di automazione dei veicoli; il Parlamento ricorda l’importanza delle prestazioni della segnaletica verticale e orizzontale, compresa la loro collocazione, visibilità e retroriflettenza, in particolare per l’efficacia dei sistemi di assistenza alla guida, quali il sistema di adattamento intelligente della velocità (ISA) e il sistema di assistenza al mantenimento della corsia; sottolinea l’importanza di utilizzare le infrastrutture per costruire strade autoesplicative e “self-enforcing” (progettate in modo tale da suscitare corrette percezioni e comportamenti da parte dei conducenti) e “che perdonano l’errore” (forgiving roads) per la sicurezza di tutti i partecipanti al traffico stradale, in particolare nelle zone pericolose o nelle zone con un numero significativo di utenti della strada vulnerabili.

 

Nel notiziario pubblicato all’interno della rivista Strade e Autostrade EDI-CEM Srl, Assosegnaletica racconta il suo impegno per la sicurezza stradale di utenti e lavoratori nei cantieri.

 

Tutte le news dall'associazione
Progetto #INsegnali
16 dicembre 2019
Progetto #INsegnali