Vademecum GSE per compilare correttamente la richiesta di incentivi del Conto termico

Analizzate le cause principali di rifiuto dell'incentivo per le varie tipologie di intervento          

Il GSE ha pubblicato un vademecum di circa 30 pagine sulle criticità più diffuse che emergono nella compilazione delle domande per accedere agli incentivi del Conto termico.
Il documento, pubblicato a inizio 2020, contiene i risultati dell’analisi condotta sulle motivazioni di rifiuto delle richieste di incentivi presentate al GSE da gennaio 2018 a giugno 2019 e fornisce una serie di chiarimenti tecnici per evitare di incorrere in errori.
 
Dall’analisi emerge che, per gli interventi che riguardano la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti con pompe di calore (tipologia 2.A), i problemi più frequenti riguardano la mancanza di documentazione in generale e, più nello specifico, di documentazione fotografica relativa allo smaltimento del generatore sostituito, la non idoneità dei certificati di smaltimento, l’assenza o l’incongruenza del certificato di smaltimento e la difformità nei bonifici: ad esempio il soggetto ordinante del bonifico non coincide con il soggetto responsabile; per il bonifico è stato utilizzato un modello che fa riferimento a norme per detrazioni fiscali; l’importo o la causale non sono corretti o il pagamento non è rintracciabile perché effettuato in contanti o con carta di credito.
Il vademecum è scaricabile gratuitamente sul sito GSE: https://www.gse.it/servizi-per-te/efficienza-energetica/conto-termico/documenti.

 

Condividi

Vademecum GSE per compilare correttamente la richiesta di incentivi del Conto termico