Premio Tesi di Laurea Ingenio al Femminile

L’evento, che vede il patrocinio da Anima Confindustria, ha lo scopo di valorizzare e facilitare l’accesso delle donne al mondo del lavoro nel campo dell’ingegneria

21.02.2022

L’evento, che vede il patrocinio da Anima Confindustria, ha lo scopo di valorizzare e facilitare l’accesso delle donne al mondo del lavoro nel campo dell’ingegneria

Si è tenuta a Roma, il 15 dicembre scorso presso la Sala degli Ordini del Consiglio Nazionale degli Ingegneri, la cerimonia di premiazione del Premio Tesi di Laurea “Ingenio al Femminile”. Il concorso ha riguardato le migliori tesi di laurea in Ingegneria dell'anno accademico 2019/2020, per quanto concerne il tema della sostenibilità. Questo riconoscimento si pone l’obiettivo di incentivare, valorizzare e facilitare l’accesso delle donne al mondo del lavoro nel campo dell’ingegneria, in un’ottica di raggiungimento della parità di genere. Tra le premiate Serena Pantano, Funzionario dell’Area Tecnica di Anima Confindustria.

Secondo i dati raccolti dal CNI – Consiglio Nazionale degli Ingegneri – nel 2020 le donne laureate in ingegneria in Italia erano 174.900, mentre nel 2021 la quota di donne iscritte all’albo 39.202, il 16,1%, in lieve ma costante aumento rispetto agli anni precedenti.

«Grazie ai fondi del Pnrr – dichiara Elena Bonetti, ministro per le pari opportunità e la famiglia – ci siamo posti l’obiettivo di aumentare il numero di donne e le loro competenze nel mondo tecnologico. Entro il 2026 l’Italia farà un salto importante per quanto riguarda la parità di genere».

A margine dell’evento, Alessandro Maggioni, direttore Area Tecnica di Anima Confindustria ha affermato che «Nell’industria meccanica si ha la percezione di un comparto tipicamente maschile e un po’ retrogrado. Tuttavia le cose stanno cambiando: l’ambito dell’industria meccanica è un settore molto tecnologico, anche grazie alle capacità e alle potenzialità del genere femminile. Dietro alle nostre aziende c’è una grande spinta all’innovazione e ancor prima c’è una notevole competenza dell’ingegneria femminile».

 

21.02.2022

Condividi