La nuova strategia per la Standardizzazione – Un approfondimento

4.03.2022

Lo scorso 2 febbraio, la Commissione Europea ha annunciato la nuova Strategia per la standardizzazione, il cui obiettivo è quello di aiutare l'Unione Europea nel raggiungere gli obiettivi di un'economia più verde e più digitale, favorendo così la possibilità di divenire un attore più importante nell'economia globale, in linea con la Strategia industriale del 2020.

La Strategia comprende diverse azioni che includono la modifica delle normative vigenti e l'incoraggiamento della leadership europea e delle competenze in materia di standardizzazione. Insieme a questi, la Commissione vuole anticipare e adattarsi alle esigenze dell'economia europea istituendo una posizione di Chief Standardization Officer, che consiglierà la Commissione sull'aggiornamento delle esigenze di standardizzazione.

Partendo dal pacchetto presentato dalla Commissione, nel seguito proviamo a tracciare gli elementi strategici che guideranno la trasformazione dell’attività di standardizzazione.

Perché una nuova Strategia di standardizzazione

Il sistema di normalizzazione europeo si basa su un partenariato pubblico-privato tra la Commissione e la comunità di normalizzazione, che si articola in organizzazioni private senza fini di lucro (il Comitato europeo di normalizzazione (CEN), il Comitato europeo di normalizzazione elettrotecnica (CENELEC), l'Istituto europeo per gli standard di telecomunicazione (ETSI)), nel quale lo sviluppo degli standard europei – a sostegno della legislazione e delle politiche dell'UE – si basa sulla creazione del consenso tra diversi attori, tra cui industria, PMI, organizzazioni commerciali e altri soggetti privati, sociali e pubblici.

Finora, la standardizzazione è stata spesso considerata una questione puramente tecnica e la leadership dell'UE nella standardizzazione internazionale è stata troppo spesso data per scontata.

La nuova Strategia di standardizzazione pone gli standard al centro della politica dell'Unione Europea. 

Gli standard dovranno svolgere un ruolo fondamentale per affrontare le sfide che l’Industria sarà chiamata ad affrontare: serviranno criteri per l'economia dei dati, per consentire l'interoperabilità dei dati, che si tratti di robot, auto a guida autonoma o macchinari. Gli standard saranno inoltre essenziali per garantire che le nuove tecnologie riflettano i nostri valori democratici, sia nel garantire standard di protezione dei dati sia nell'affrontare la governance dei protocolli Internet.

Allo stesso tempo, le norme stanno diventando un elemento cruciale per rafforzare l'autonomia strategica dell'Europa. Sempre più paesi terzi assumono una posizione più decisa nei confronti della standardizzazione e spingono per le proprie soluzioni tecnologiche attraverso i comitati di standardizzazione tecnica. L'Unione Europea vuole giocare un ruolo guida, soprattutto quando si tratta di aree strategiche.

Quali sono gli obiettivi chiave della nuova Strategia di standardizzazione

La nuova Strategia propone una serie di azioni volte:

  • a garantire la leadership europea negli standard globali;
  • a rendere la standardizzazione un motore della competitività e resilienza europea;
  • a garantire che gli standard sostengano gli investimenti nelle transizioni verde e digitale;
  • a incorporare i valori democratici nelle applicazioni tecnologiche.

A tal fine, la Strategia propone innanzitutto azioni per migliorare l'agilità e la governance del sistema di normazione europeo e per ridurre il tempo necessario per lo sviluppo delle norme europee. Questo include una anticipazione e una prioritizzazione  delle esigenze di normazione in aree strategiche e il miglioramento della governance delle organizzazioni europee di normazione. 

In quest'ottica, la Commissione propone di modificare le norme relative alla direzione degli organismi europei di normalizzazione, per garantire che le decisioni chiave siano prese dagli organismi nazionali di normalizzazione dell'Unione Europea e dello Spazio economico europeo (SEE).

La Strategia prevede inoltre una serie di misure a sostegno della standardizzazione dei risultati della ricerca finanziata dall'Europa. Data la crescente mancanza di competenze in materia di standardizzazione disponibili, soprattutto a causa di un cambio generazionale, la Strategia sosterrà anche lo sviluppo di nuovi esperti qualificati per sostenere la standardizzazione delle tecnologie di nuova generazione.

La Strategia include anche azioni per aumentare il coordinamento degli interessi europei e degli Stati membri negli organismi internazionali di normalizzazione. Ciò contribuirà ad affrontare l'attuale frammentazione e a rafforzare la voce dell'Unione Europea nella normazione globale, in modo inclusivo. Contribuirà inoltre a sfruttare il potenziale dell'Europa di essere il motore per la definizione di standard internazionali, sfruttando la sua cooperazione con altri partner internazionali.

Il ruolo della Commissione Europea

Migliorare il processo di standardizzazione in Europa

L'Unione Europea ha bisogno di un sistema di standardizzazione rapido, reattivo, efficiente e inclusivo per raggiungere i suoi obiettivi di transizione digitale e verde dell'economia dell'Unione Europea e rafforzare la resilienza e il funzionamento del mercato unico.

Ciò implica affrontare meglio le urgenze di normazione o le aree in cui sono necessarie norme per evitare dipendenze strategiche e manifestare la leadership mondiale dell'Unione Europea nelle tecnologie strategiche. Il miglioramento della governance degli organismi europei di normalizzazione aiuterà a raggiungere questi obiettivi.

Un forum ad alto livello riunirà i rappresentanti degli Stati membri, delle organizzazioni nazionali ed europee di normazione, dell'industria, delle PMI, della società civile e del mondo accademico per aiutare a definire le priorità, fornire consulenza sulle future esigenze di normazione, coordinare gli interessi europei e garantire che la normazione europea le attività rispondono alle ambizioni della doppia transizione e della resilienza dell'UE. Inoltre, la Commissione rafforzerà il coordinamento interno delle attività di normazione attraverso la creazione di un polo di eccellenza sulle norme, guidato da un Chief Standardization Officer.

La governance degli organismi di normazione europei

Il regolamento sulla normalizzazione attribuisce un ruolo centrale a tre organismi europei di normalizzazione, ovvero CEN, CENELEC ed ETSI, gli unici Enti autorizzati a sviluppare standard europei a sostegno della legislazione dell'Unione Europea.

La Commissione vuole garantire una rappresentanza equilibrata delle parti interessate all'interno degli organismi, per evitare che le grandi società (che in molti casi non hanno sede nell'Unione Europea) dominino i processi decisionali. In particolare, intende garantire che le decisioni chiave sulle norme sviluppate su richiesta della Commissione siano prese dagli organismi nazionali di normalizzazione dell'Unione Europea e degli Stati membri del SEE, che rappresentano l'intera comunità delle parti interessate. Ciò garantirà inoltre che queste organizzazioni possano rispondere alle richieste di standardizzazione europea sviluppando standard conformi alle regole imposte nell'interesse dei cittadini dell'Unione Europea. A tal fine, la Commissione ha presentato una proposta di modifica del Regolamento (UE) n. 1025/2012 “sulla normazione europea” per migliorare la governance. 

Facilitare la standardizzazione della ricerca finanziata 

La Commissione propone di sfruttare meglio il potenziale della ricerca finanziata dall'Unione Europea per valorizzare il valore innovativo dei progetti e il loro potenziale di standardizzazione. L'identificazione precoce delle opportunità di standardizzazione futura aiuterà a costruire ponti importanti tra le comunità di ricerca e di standardizzazione e ad anticipare le esigenze di standardizzazione precoce. 

Migliorare le capacità e le competenze in materia di standardizzazione

Gli standard poggiano sulle competenze dei migliori esperti. Purtroppo l'Europa sta attualmente affrontando un passaggio generazionale che rischia di far perdere le competenze cruciali in materia di standardizzazione. Inoltre, non c'è istruzione formale o formazione professionale sulla standardizzazione. Allo stesso tempo, il panorama della standardizzazione sta diventando più complesso: le nuove sfide tecnologiche e le tematiche orizzontali, come la protezione dei dati o la sicurezza informatica, richiederanno nuove competenze nello sviluppo degli standard.

Per affrontare questo problema, sarà fondamentale impegnarsi con la comunità della ricerca e dell'innovazione nelle prime fasi dello sviluppo degli standard e offrire quelle opportunità per sviluppare competenze e abilità nella standardizzazione. Inoltre, la Commissione promuoverà una maggiore consapevolezza accademica sugli standard attraverso la futura organizzazione delle Giornate universitarie dell'Unione Europea. 

La formazione dei ricercatori sarà inoltre incoraggiata attraverso gli strumenti esistenti nell'ambito di Horizon Europe e del programma di ricerca e formazione EURATOM.

4.03.2022

Condividi