HAS Consultant, al via un nuovo ciclo

29.03.2022

Il sistema degli HAS Consultant è stato introdotto nel 2018 tramite un contratto di servizio della Commissione Europea. Gli HAS Consultant - direttamente nell’orbita della Commissione, in sostituzione dei CEN Consultant - sono stati voluti per supportare efficacemente i servizi della Commissione nella valutazione delle norme armonizzate, quindi per  valutare in che misura i prodotti della normazione redatti dagli Organismi europei preposti fossero conformi alle richieste della Commissione e in che misura trattassero e supportassero i pertinenti requisiti essenziali o di altro tipo stabiliti dalla pertinente legislazione dell'Unione.

Il contratto di servizio si sta concludendo proprio in questi giorni e, per garantire la continuità del servizio e rafforzare il sistema dei Consulenti HAS, in linea con gli impegni annunciati sulle norme armonizzate nella comunicazione (COM(2018) 764 del 22.11. 2018), la Commissione ha pubblicato sul finire del 2021 un nuovo bando per l’affidamento di questi incarichi.

Lo scopo del nuovo contratto di servizio è fornire assistenza tecnica alla Commissione gestendo il pool di Consulenti "HAS Consultants"  in materia di norme armonizzate, assistendo quindi servizi della Commissione nella valutazione, insieme alle Organizzazioni europee di normazione, della conformità dei documenti elaborati con la richiesta iniziale.

In particolare l’attività riguarderà l'assistenza tecnica ai sensi della normativa di armonizzazione dell'Unione per i prodotti (vale a dire la normativa "NLF17/Nuovo approccio") ma potrà anche  riguardare altri settori regolamentati supportati da norme armonizzate richieste dalla Commissione.

Il contratto (24 mesi + 24 mesi) potrà contare su di uno stanziamento di quasi 11 milioni di euro, con un netto incremento dei giorni/uomo dedicati, segno della volontà della Commissione di rendere sempre più performante e fattiva l’attività degli HAS Consultant.

 

Per quanto riguarda compiti e funzioni del contraente il contratto:

Task 1: Compiti amministrativi e logistici per coordinare le attività e il lavoro degli HAS Consultant, compreso il reclutamento degli stessi (stima: 380 giorni/uomo max).

Task 2: Verifiche orizzontali e controlli di natura non tecnica su documenti da valutare da parte degli HAS Consultant (stima: 460 giorni/uomo max durante i primi 24 mesi – in precedenza erano 440 giorni/uomo).

Task 3: Valutazione dei risultati degli accertamenti e della loro efficacia al fine di formulare raccomandazioni alla Commissione (stima: 180 giorni/uomo max durante i primi 24 mesi).

Task 4: Comunicazione e informazione agli Organismi Tecnici degli Enti di Normazione europei e ai servizi della Commissione, al fine di formare e spiegare ai beneficiari il funzionamento del sistema, con l’obiettivo di farlo usare in modo più efficiente (stima: 200 giorni/uomo max durante i primi 24 mesi).

 

Gli HAS Consultant che saranno selezionati dal contraente il contratto eseguiranno compiti tecnici richiesti e pianificati:

  • Valutazione della conformità delle norme redatte dagli Enti europei di normazione in linea alle richieste di standardizzazione della Commissione (almeno il 75% dei giorni/uomo per ciascun consulente).
  • Comunicazione agli organi tecnici degli Enti europei di normazione per fornire chiarimenti e supporto al fine di contribuire alla conformità dei documenti elaborati alle richieste di standardizzazione iniziali della Commissione (massimo 25% dei giorni/uomo per ciascun consulente).

 

Nel contratto di servizio sono quindi stimati anche i giorni/uomo (nei primi 12 mesi) dedicati dagli HAS Consultant nei diversi ambiti:

  • Macchine: 800 giorni/uomo;
  • Bassa tensione: 525 giorni/uomo;
  • Dispositivi medici: 300 giorni/uomo;
  • Apparecchiature radio: 230 giorni/uomo;
  • Dispositivi di protezione individuale: 200 giorni/uomo;
  • Compatibilità elettromagnetica: 190 giorni/uomo;
  • Prodotti da costruzione: 90 giorni/uomo.

 

 

Cenni storici e situazione attuale

Negli anni '90 gli Organismi europei di normazione (di seguito Organismi) CEN e CENELEC hanno introdotto un sistema di Consulenti tecnici esperti (inizialmente chiamati "Consulenti CEN" e poi dal 2015 "Consulenti di nuovo approccio"), appaltati e gestiti dal CEN-CENELEC Management Center (CCMC), ma finanziato dalla Commissione e dall'EFTA tramite sovvenzioni dedicate. 

Questi Consulenti hanno fornito consulenza per molti anni agli organi tecnici degli Organismi nell'elaborazione delle norme armonizzate richieste dalla Commissione e hanno anche valutato regolarmente la conformità dei progetti di norme armonizzate alle richieste della Commissione e alla pertinente legislazione dell'Unione. 

In alcuni casi, i Consulenti avevano anche altri compiti consultivi specifici nei confronti degli Organismi e dei loro organi tecnici o hanno redatto altri documenti o rapporti specifici come richiesto dalle OEN.

Dal punto di vista della Commissione, questo sistema di Consulenti gestito degli Organismi presentava tuttavia una serie di problemi. 

Innanzitutto, il sistema non supportava il lavoro di standardizzazione svolto dalla terza organizzazione (ETSI) e non copriva altri settori regolamentati in cui CEN o CENELEC sviluppavano norme armonizzate. 

Inoltre, poiché i Consulenti erano incaricati e gestiti dal CCMC, il sistema offriva alla Commissione solo possibilità limitate di definire i dettagli relativi all'assistenza tecnica effettivamente necessaria o fornita, di definire o dare priorità ai compiti dei Consulenti o di limitare i compiti dei Consulenti ai soli compiti di valutazione di base. 

CEN e CENELEC stabilivano i requisiti affinché i Consulenti seguissero le loro regole, guide e risoluzioni interne, che tuttavia a volte contrastano con il punto di vista della Commissione sui requisiti applicabili alle norme armonizzate. 

 

Uno dei motivi è che il vecchio sistema di Consulenti era stato istituito prima dell'entrata in vigore del Regolamento (UE) n. 1025/2012 ed era concepito principalmente per servire gli organi tecnici degli Organismi in assenza dell'articolo 10, paragrafi 5 e 6. del Regolamento (quindi, prima che il regolamento introducesse un obbligo giuridico per la Commissione di valutare (bozza) norme armonizzate).

Sulla base di quanto sopra, la valutazione di conformità è stata formalmente disciplinata, a partire dall’1 gennai 2013, dall'art. 10 del Regolamento (UE) 1025/2012, mentre prima era svolta su base volontaria degli Organismi principalmente attraverso i Consulenti del CEN ma senza alcuno specifico orientamento valutativo da parte della Commissione.

Dopo la modifica del quadro giuridico, i servizi della Commissione hanno iniziato a valutare le (bozze) di norme armonizzate in modo più sistematico, almeno per quanto consentito dalle risorse e dalle competenze disponibili, e in diversi casi le conclusioni della Commissione differivano dalle valutazioni dei Consulenti CEN. 

I servizi della Commissione hanno riscontrato che il servizio fornito dai Consulenti CEN non era stato sufficientemente concentrato per individuare i tipici problemi di conformità o che le istruzioni impartite ai Consulenti dal CCMC non erano state sufficienti. 

Anche l'assenza di relazioni di valutazione specifiche per tutte le norme armonizzate ha destato preoccupazione per i servizi della Commissione. 

Di conseguenza, un numero crescente di norme armonizzate proposte dagli Organismi per la citazione nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea sono state respinte dai servizi della Commissione o lasciate in sospeso (in assenza di certezza circa la conformità di tali norme ai requisiti legislativi), il che ha portato alla creazione di un arretrato di standard pendenti e, di conseguenza, di disaccordi e insoddisfazione da entrambe le parti, nonché dagli stakeholder economici.

 

Tale situazione è stata esacerbata dalla citata giurisprudenza nella sentenza James Elliott, che ha affermato che le norme armonizzate fanno parte del diritto comunitario, e dal ruolo essenziale svolto dalla “delega controllata” (che fa riferimento alle valutazioni da effettuare ai sensi degli artt. 10(5) e 10(6) del Reg. 1025/2012) della Commissione agli Organismi nel garantire la legittimità democratica dell'effetto giuridico generato dalla pubblicazione di un riferimento ad una norma armonizzata nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea.

 

La Commissione ha concluso nel 2017 che era pertanto necessario, al fine di adempiere al proprio dovere giuridico di valutare la conformità delle norme armonizzate in modo sistematico e completo, interrompere il sistema dei Consulenti CEN  gestito dal CCMC e sostituirlo con un nuovo sistema sotto il proprio controllo. 

Il nuovo sistema è stato rinominato 'HAS Consultants' (Consulenti di norme armonizzate) per evitare qualsiasi confusione o incomprensione e per sottolineare la discontinuità con il sistema precedente.

 

Le ragioni principali alla base di tale decisione, derivanti dai mutamenti del quadro normativo e della giurisprudenza, sono state:

garantire la disponibilità di assistenza tecnica durante i compiti di valutazione a tutti i servizi interessati della Commissione che gestiscono norme armonizzate e altre norme che generano effetti giuridici mediante la pubblicazione dei loro riferimenti nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea e coprire il lavoro di tutte e tre gli Organismi (copertura della servizio);

avere un approccio più coerente e proattivo durante i compiti di valutazione orizzontalmente per tutti i settori ed evitare l'adozione da parte degli Organismi di norme armonizzate non conformi i cui riferimenti la Commissione non può pubblicare nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea (coerenza e qualità del servizio)

fare una chiara distinzione tra compiti di redazione e creazione del consenso degli Organismi e compiti di valutazione indipendente dei Consulenti (responsabilità ed evitare qualsiasi interesse o pregiudizio acquisito), e

che la Commissione assumesse il controllo sui compiti dei Consulenti che dovrebbero fornirle assistenza tecnica ed eseguire valutazioni per la Commissione (trasparenza, controllabilità e fiducia).

 

Il nuovo sistema dei Consulenti HAS è stato introdotto ad aprile 2018, tramite un contratto di servizio che prevedeva anche la gestione amministrativa e operativa del lavoro dei Consulenti da parte dell'Appaltatore selezionato.

La Commissione ha fornito dal 2018, in collaborazione con l'Appaltatore – Ernst&Young – formazione periodica e linee guida chiare ai Consulenti HAS per garantire coerenza e qualità del loro lavoro di valutazione. 

Il pool dei Consulenti HAS è stato ampliato rispetto al precedente sistema di Consulenti gestito dal CCMC e copre più settori. I Consulenti HAS devono rispettare regole rigorose in merito alla prevenzione di potenziali conflitti di interesse e il loro lavoro si concentra su compiti di valutazione; non possono essere coinvolti in attività di redazione o creazione di consenso per conto degli Organismi o dei loro organi tecnici. 

I Consulenti HAS si coordinano regolarmente con le unità settoriali della Commissione, nonché con l'unità della DG GROW responsabile della politica degli standard.

I criteri di valutazione (basati sulla pertinente normativa dell'Unione) che devono essere applicati dai Consulenti sono determinati dalla Commissione in modo trasparente e deve essere utilizzato un modello armonizzato (elaborato dalla Commissione in collaborazione con l'Appaltatore) per la relazione di valutazione, garantire un feedback completo e dettagliato ai servizi della Commissione e agli organi tecnici degli Organismi. 

I controlli sono stati effettuati regolarmente dalla Commissione e dall'Appaltatore per garantire la coerenza e la qualità del lavoro svolto dai Consulenti HAS.

 

Dopo oltre tre anni di attuazione del sistema dei Consulenti HAS, l'impatto positivo sembra essere confermato dal numero crescente di riferimenti a norme armonizzate pubblicati nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea a supporto degli atti legislativi coperti dal sistema, nonché dal sempre più tempi ridotti necessari ai servizi della Commissione per elaborare e pubblicare gli standard proposti dagli Organismi per la citazione della Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea. L'arretrato di norme in sospeso in tutti questi settori è stato completamente eliminato e i servizi della Commissione apprezzano il sistema e lo considerano uno strumento di supporto essenziale per il loro lavoro relativo alle norme armonizzate.

29.03.2022

Condividi

Maggio 2022
Aprile 2022
Marzo 2022