Country Presentation: Kirghizistan /Esiti

Il 12 aprile si è tenuto un incontro conoscitivo con gli esponenti istituzionali del Paese: opportunità di business per le aziende italiane 

12.04.2022

Il 12 aprile si è tenuto un incontro conoscitivo con gli esponenti istituzionali del Paese: opportunità di business per le aziende italiane 

Evento realizzato da ICE Agenzia in collaborazione con l’Ambasciata d’Italia a Nur-Sultan e l’Ufficio ICE di Almaty.

Il Kirghizistan, collocato in posizione strategica tra Cina, Kazakistan, Uzbekistan, Tajikistan sulla Via della Seta, è un Paese a clima temperato, di estensione pari a due terzi dell’Italia, con popolazione (6 milioni) per il 60% rurale (ma con tendenza a migrare verso le città) e per il 70% in età lavorativa. Neutrale, completamente aperto agli investitori stranieri, ha rapporti commerciali sia con i paesi limitrofi sia con l’Unione europea.
L’economia del Kirghizistan è basata sull’estrazione di minerali e sull’agricoltura; sussiste un forte potenziale di sviluppo dell’energia idroelettrica destinata anche all’esportazione verso gli stati confinanti. Il Governo Kirghiso ha aperto l’economia agli investimenti esteri nell’industria leggera, l’agroindustria e nel settore energetico, che sono favoriti dalla non applicazione di dazi doganali e IVA al 12%.

L’Ambasciatore Taalay Bazarbaev  ha sottolineato che il Kirghizistan e l’Italia hanno da poco celebrato il 30* anniversario dell’instaurazione delle relazioni diplomatiche. Da allora l’interscambio tra i due Paesi non si è mai interrotto, pur non facendo registrare volumi molto elevati. Vi sono quindi ampi margini di sviluppo e grandi possibilità di investimento e di business. Grande interesse nei confronti della tecnologie italiane, con particolare riguardo ai settori: tessile, agroindustriale e meccanizzazione agricola, trasformazione alimentare, irrigazione e infrastrutture, con particolare attenzione all’energia idroelettrica ed energie rinnovabili.

La Country Presentation Kyrgyz Republic ha illustrato le politiche di attrazione investimenti poste in essere dal governo kirghiso e le opportunità commerciali offerte agli esportatori italiani.Un altro elemento di attrazione per progetti di investimento è caratterizzato dalla manodopera locale a basso costo.

Ai tre principali settori focus si affianca il Turismo, considerando che il Paese è ricco di risorse naturali e gode di clima temperato: molto richieste quindi tecnologie per infrastrutture e le attrezzature Horeca. Un aspetto interessante è rappresentato dal fatto che per venire in Kirghizistan non è richiesto alcun visto.

Focus sull’agricoltura
Il Kirghizistan ha 10 milioni di ettari di superficie in parte destinati all’agricoltura, in parte al pascolo.
Per i terreni agricoli  particolare attenzione è rivolta alle coltivazioni biologiche e sostenibili (sicurezza alimentare) e alla digitalizzazione dei macchinari. Il trend attuale è verso lo sviluppo di cluster di imprese.
Hanno intrattenuto frequenti rapporti commerciali con Kazakistan e Russia (export latticini) ma riguardo a quest’ultima, alla luce degli eventi politici attuali, si stanno rivolgendo verso altri mercati.
Hanno attualmente 500.000 piccole aziende (sorte dalle 500 grandi aziende iniziali) che necessitano per svilupparsi e consolidarsi di tecnologie più efficaci e performanti (ammodernamento del parco macchine agricole).

Focus sull’energia
Il Paese, per le sue caratteristiche oro idrografiche, è riuscito a dotarsi di 9 grandi centrali idroelettriche, e anche di più piccole, e hanno in programma la costruzione di nuove cascate in 130 zone e altrettanti centrali in considerazione dell’aumentata richiesta di energia. Sarebbe quindi molto utile la cooperazione con le aziende italiane in progetti comuni. 
Sono anche allo studio da parte ministeriale di progetti per energie rinnovabili con sgravi fiscali per attirare gli investitori.
Si possono anche valutare possibili collaborazioni con l’Italia per l’energia, considerando l’alto potenziale energetico del Kirghizistan.

Sono innumerevoli gli ambiti di collaborazione con le aziende italiane. Le autorità kirghise forniranno un elenco dei progetti in fase di realizzazione  e una mappa interattiva dei progetti di centrali idroelettriche.

Per informazioni: affari.internazionali@anima.it

 

12.04.2022

Condividi