Banca dati SCIP: è online la piattaforma di divulgazione dei dati.

14.09.2021

È da oggi 14 Settembre possibile accedere ai dati della prima banca dati pubblica dell'UE di sostanze estremamente problematiche nei prodotti, SCIP, che mira a consentire ai consumatori di compiere scelte di acquisto più consapevoli e ad aiutare gli operatori dei rifiuti a sviluppare ulteriormente il riutilizzo degli articoli e il riciclaggio dei materiali.

Si ricorda che le aziende che forniscono articoli che contengono sostanze estremamente preoccupanti, SVHC, nell'elenco delle sostanze candidate REACH, devono notificarle all'ECHA. L’obbligo riguarda gli articoli immessi sul mercato dell'UE che contengono più dello 0,1% in peso su peso di SVHC. L'obbligo è entrato in vigore il 5 gennaio 2021 e si basa sulla direttiva quadro sui rifiuti dell'UE, rivista nel 2018.

Le notifiche sono archiviate nel database delle sostanze problematiche nei prodotti (SCIP), che garantisce che le informazioni siano pubblicamente disponibili durante l'intero ciclo di vita dei prodotti e dei materiali, inclusa la fase di rifiuto.

Come si legge sul sito di ECHA, le categorie di prodotti più comunemente notificate nel database sono:

  •          macchine e loro parti;
  •          strumenti di misura e loro parti;
  •          apparecchiature elettroniche e loro parti;
  •          veicoli e loro parti;
  •          articoli in gomma; e
  •          arredamento,

mentre le SVHC più comuni sono:

  •          piombo (ad es. in cuscinetti a sfera, batterie);
  •          monossido di piombo (ad esempio in lampade, parti di veicoli);
  •          triossido di piombo-titanio (es. nei fornelli elettrici);
  •          acido silicico, sale di piombo (ad esempio in cristalli di piombo, rivestimenti per veicoli); e
  •          1,6,7,8,9,14,15,16,17,17,18,18-dodecacloropentaciclo[12.2.1.16,9.02,13.05,10]ottadeca-7,15-diene, più comunemente indicato come “ Dechlorane PlusTM” (ad es. in vernici, colle)

La ricerca dei dati può essere effettuata per identificatore dell’articolo (nome, marca, EAN, ..), categoria di prodotto (codice TARIC), tipo di materiale o miscela, nome chimico della sostanza SVHC.

Per accedere al portale basterà recarsi sulla homepage di ECHA (attualmente solo in lingua inglese) dalla sezione Information on Chemicals – WFD – SCIP Database; al momento sono presenti più di 4 milioni di notifiche.

Qui il link diretto per l’accesso.

Ulteriori informazioni e video sull’utilizzo della piattaforma sono disponibili qui.

14.09.2021

Condividi