10 novembre 2023

Manifattura, il comparto valvole e rubinetti si mantiene stabile nel 2023

Secondo l’Ufficio Studi di Anima, il settore rappresentato da Avr chiuderebbe l’anno con una produzione di 9.350 milioni, di cui il 63% destinato all’export.

In un 2023 di sostanziale stabilità per la gran parte dei settori dell’industria meccanica, il comparto rappresentato da Avr – Associazione italiana costruttori valvole e rubinetteria federata Anima Confindustria – si attiene al trend che sta caratterizzando la manifattura. Dopo un 2022 che aveva fatto registrare al comparto un balzo in avanti del 6% per la produzione – 9.330 milioni sugli 8.800 milioni dell’anno precedente – e del 12% per l’export – 5.850 milioni rispetto ai 5.230 milioni del 2021 –, nel 2023 la crescita risulta modesta. Secondo le previsioni dell’Ufficio Studi di Anima Confindustria, la produzione si fermerebbe infatti a 9.350 milioni di euro, +0,2% rispetto allo scorso anno, mentre le esportazioni a fine anno rappresenterebbero 5.920 milioni (+1,2). Resta invariata la quota export/fatturato, con il 63% della produzione destinato ai mercati esteri.

Il presidente di Avr Sandro Bonomi commenta «Nel 2023 l’industria meccanica ha dovuto confrontarsi con inflazione, incertezza dei mercati, e non ultimo con la crescente instabilità sul piano geopolitico. Inoltre, il settore valvole e rubinetti è legato all’edilizia e alla componentistica, che hanno risentito dello stop ai bonus edilizi. Nonostante il contesto difficile, il nostro comparto è riuscito a mantenersi stabile e a guadagnare una lieve crescita, forte della continua tensione verso l’eccellenza tecnologica e l’innovazione, che ne costituiscono il tratto distintivo. Come evidenziato dalle previsioni di Anima Confindustria, anche la quota export, che costituisce una parte importante del nostro settore, si è mantenuta stabile, pur confrontandosi con la fase recessiva che attualmente la Germania sta attraversando e dall’inflazione del Regno Unito, che penalizzano le esportazioni.

Un ausilio – prosegue il presidente Sandro Bonomi – è arrivato anche dalle misure di sostegno come il Codice Appalti, che ha promosso la tutela dell’industria Made in Italy nei lavori di ammodernamento degli edifici e delle infrastrutture, e il cosiddetto bonus rubinetti che, con lo scopo di razionalizzare il consumo dell’acqua potabile, ha incentivato la diffusione delle tecnologie italiane improntate all’efficienza e alla tutela dell’ambiente. Una causa, la corretta gestione della risorsa idrica, appoggiata anche dai fondi Pnrr dedicati all’efficientamento delle infrastrutture idriche, tra le più presidiate da Avr. A questo proposito, la nostra associazione ha assunto per il triennio 2022-2024 il ruolo di Opinion Leader nella campagna di ENEA “Italia in classe A” avviata e promossa dal Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, che si impegna a promuovere scelte e comportamenti efficienti dal punto di vista energetico».

10.11.2023

Condividi

Dicembre 2023
Novembre 2023
Ottobre 2023
Settembre 2023
ANIMA Confindustria meccanica varia

ANIMA Federazione delle Associazioni Nazionali dell'Industria Meccanica Varia ed Affine

Via Scarsellini, 11 - 20161 Milano (Italy) Tel.(+39) 02-45418500  Fax (+39) 02-45418545 Email - anima@anima.it

Rimani in contatto con noi | Note legali