REACH & CHEMICALS | Aggiornamenti

29.11.2023

29/11/2023

Revisione Regolamento REACH 

La Commissione europea ha confermato che l’avvio del processo di revisione del Regolamento REACH non avrà luogo prima dell’insediamento della prossima Commissione europea (ricordiamo infatti che dal 6 al 9 giugno 2024 si terranno le elezioni politiche europee). La decisione, presa in coordinamento con il Parlamento europeo e il Consiglio, mira a limitare le iniziative nel 2024. Questa decisione riguarda anche altre iniziative, tra cui il regolamento di base dell'ECHA, l'approccio "una sostanza - una valutazione", la trasparenza dei dati e la riattribuzione dei compiti per snellire il carico di lavoro della legislazione sulle sostanze chimiche alle diverse agenzie, tutte attualmente sospese. La Commissione ha informato che sono in corso discussioni a livello tecnico e scientifico.


Ultimi aggiornamenti CrVI-REACH

L'ECHA ha ricevuto dalla Commissione europea il mandato di preparare una relazione sull'Allegato XV per un'eventuale restrizione di sostanze a base di cromo(VI) attualmente incluse nelle voci 16 e 17 dell'elenco di autorizzazione REACH (Allegato XIV). L'ECHA presenterà la proposta entro il 4 ottobre 2024. Saranno necessari almeno tre anni per sviluppare e adottare la restrizione.  Nel frattempo, la procedura di autorizzazione funzionerà su base "business-as-usual”. La restrizione sarà adottata contemporaneamente alla "cancellazione" dall'elenco delle autorizzazioni (allegato XIV del regolamento REACH). Le condizioni stabilite nelle decisioni di autorizzazione non saranno più applicabili e gli utilizzatori dovranno invece rispettare le condizioni della restrizione. 


ECHA: Proposta di restrizione PFAS da cinque autorità nazionali

Le autorità nazionali di Danimarca, Germania, Paesi Bassi, Norvegia e Svezia hanno presentato all'ECHA una proposta volta a limitare le sostanze per e polifluoroalchiliche (PFAS) nell'ambito del regolamento REACH (UE). È possibile scaricare il dossier con i suoi allegati e appendici a questo link.

La fase dell’iter legislativo dedicato alla consultazione pubblica si è conclusa il 25 settembre 2023. Oltre 4.400 organizzazioni, aziende e singoli cittadini hanno presentato commenti e informazioni sulla proposta di limitare le sostanze per e polifluoroalchiliche (PFAS) nello Spazio economico europeo.

Segnaliamo che, a seguito del webinar organizzato da ECHA – Agenzia europea delle sostanze chimiche – lo scorso 5 aprile relativamente alla consultazione pubblica sulla proposta di restrizione sugli PFAS, è stato pubblicato un documento di Q&A, disponibile al seguente link.

Nel corso del 50esimo incontro CARACAL del 16 novembre u.s, la Commissione ha sottolineato che saranno concesse deroghe per gli usi critici dei PFAS laddove non esistano attualmente alternative. Il presidente della Commissione ha sottolineato l'obiettivo di raggiungere una restrizione “equilibrata”. Successivamente, l'ECHA ha fornito una panoramica dello stato attuale del processo di restrizione e ha indicato che gli aggiornamenti sulla tempistica della restrizione sarebbero stati presentati dal RAC e dal SEAC durante la riunione di novembre, rilevando l'elevato volume di input alla consultazione pubblica dell'ECHA.

PROSSIMI INCONTRI COMITATI RILEVANTI: 

●    Il Comitato RAC si riunirà a Helsinki dal 27 al 30 novembre 
●    Il Comitato SEAC si riunirà a Helsinki dal 28 novembre al 1 dicembre 

Queste riunioni del RAC e del SEAC sono di grande importanza in quanto discuteranno il programma di lavoro dell'ECHA per il 2024 e possibilmente forniranno alcuni aggiornamenti sulla tempistica della proposta di restrizione PFAS.
 

ANIMA Confindustria meccanica varia

ANIMA Federazione delle Associazioni Nazionali dell'Industria Meccanica Varia ed Affine

Via Scarsellini, 11 - 20161 Milano (Italy) Tel.(+39) 02-45418500  Fax (+39) 02-45418545 Email - anima@anima.it

Rimani in contatto con noi | Note legali

Esegui ricerca