Strumenti finanziari

Per supportare le aziende nell'accesso ai finanziamenti, Anima Confindustria ha siglato un accordo con Intesa Sanpaolo per la gestione della cessione del credito

Per supportare le aziende nell'accesso ai finanziamenti, Anima Confindustria ha siglato un accordo con Intesa Sanpaolo per la gestione della cessione del credito

Cessione del Credito

Al posto della fruizione diretta della detrazione, è prevista la possibilità di optare per un contributo anticipato sotto forma di sconto praticato dai fornitori dei beni o servizi o, in alternativa, per la cessione del credito corrispondente alla detrazione spettante. In questo caso si dovrà inviare una comunicazione per esercitare l’opzione. Il modello da compilare e inviare online è quello approvato con il provvedimento del 12 novembre 2021

Il Ddl Bilancio 2022 ha confermato una proroga della misura (comma 29):
• agli anni 2022, 2023 e 2024 la possibilità di usufruire delle detrazione per interventi in materia edilizia ed energetica sotto forma di sconto in fatture o credito d’imposta cedibile a banche e intermediari finanziari.
• al 31 dicembre 2025, la facoltà di optare per la cessione del credito o per lo sconto in fattura, al posto della detrazione fiscale, per le spese sostenute per gli interventi coperti dal Superbonus (interventi in ambito di efficienza energetica, di riduzione del rischio sismico, di installazione di impianti fotovoltaici nonché interventi per infrastrutture di ricarica di veicoli elettrici negli edifici).

Il comma recepisce nel provvedimento i contenuti del DL Frodi superbonus, prevedendo in particolare:
• l’obbligo del visto di conformità anche in caso di opzione per la cessione del credito /sconto in fattura relativa alle detrazioni fiscali per lavori edilizi diversi da quelli che danno diritto al Superbonus 110% (recupero del patrimonio edilizio e di efficienza energetica, sismabonus, bonus facciate, installazione impianti fotovoltaici e bonus colonnine di ricarica.
• l’obbligo di asseverazione della congruità dei prezzi, da operarsi a cura dei tecnici abilitati, facendo riferimento oltre ai prezzari già individuati (prezziario DEI) anche ai valori massimi stabiliti per alcune categorie di beni, con decreto del MITE da adottare entro il 9 febbraio 2022.

 

Accordo Anima Confindustria - Intesa Sanpaolo

Anima Confindustria ha siglato un accordo quadro con Intesa Sanpaolo SpA per la gestione della cessione del credito con la possibilità per le aziende associate di ottenere finanziamenti nella forma di “anticipo contratti” finalizzati alla miglior gestione degli appalti ed esecuzione dei lavori.

Grazie all'accordo, sarà possibile per il sistema federativo:

  • sostenere le Imprese associate nella fase di esecuzione di lavori;
  • rendere liquidi i crediti di imposta acquisiti tramite lo sconto in fattura, con la finalità di immettere la necessaria liquidità funzionale alla riduzione dell’esposizione finanziaria.

In particolare, viene messa a disposizione delle imprese associate una soluzione integrata e modulare che prevede:

  • finanziamenti nella forma di “anticipo contratti” per accompagnare le imprese nella gestione degli appalti e nella esecuzione dei lavori;
  • acquisto dei crediti di imposta afferenti agli interventi di riqualificazione del patrimonio edilizio e liquidazione degli stessi, con la formula della cessione pro soluto, in modo da rendere smobilizzabili i crediti fiscali maturati dall’impresa esecutrice degli interventi,
  • ridurre l’esposizione dell’anticipo contratto e contenere nel tempo l’esposizione finanziaria nei confronti della banca;
  • Intesa Sanpaolo si rende pertanto disponibile ad acquisire i crediti fiscali che le verranno ceduti nell’ambito delle attività disciplinate dal protocollo siglato con Anima a specifiche condizioni;
  • le Imprese potranno inoltre fruire di un servizio di assistenza gratuito mediante l’utilizzo di una piattaforma dedicata di Deloitte, primario partner forte di una consolidata esperienza nel settore, che consentirà la gestione tempo per tempo di tutti i passaggi amministrativi necessari, l’acquisizione delle opportune certificazioni e la consulenza in ordine alla gestione fiscale dei crediti di imposta.

Le soluzioni di assistenza e supporto finanziario saranno riservate tra l’altro alle singole imprese o alle imprese costituite in filiera produttiva, nell’ambito del più ampio “Programma Filiere”, con la finalità di sostenere le PMI fornitrici di un General Contractor.

L’accordo prevede inoltre numerose altre iniziative a favore dell’industria oltre all’attivazione di un tavolo di lavoro comune per azioni e interventi che possano rafforzare l’efficacia del Superbonus. In particolare Intesa San Paolo e Anima daranno il via a un percorso congiunto per individuare tutte le azioni da intraprendere in coerenza con le norme di legge e identificare i migliori strumenti di accompagnamento e sostegno delle Imprese associate.