Coronavirus: Mercati esteri

Aggiornamenti dal sistema Confindustria e dalle istituzioni per la tutela del made in Italy

Aggiornamenti dal sistema Confindustria e dalle istituzioni per la tutela del made in Italy

Le misure di SACE e Simest per l'export

I finanziamenti agevolati per l’internazionalizzazione, gestiti da Simest a valere sul Fondo 394/81 per conto del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, sono lo strumento principe a disposizione dell’impresa per compiere i primi passi alla scoperta di nuovi mercati esteri, ottenibili già completamente online.

Anzitutto, fino alla fine del 2020 sono accessibili senza prestazione di garanzie, il che rende disponibile le risorse per le imprese a 30-40 giorni dalla presentazione dell’istanza a SIMEST. Inoltre, una quota del finanziamento è a fondo perduto (attualmente il 40%). A breve verrà estesa l’operatività anche agli investimenti realizzati all’interno della UE, finora preclusi, verso i quali si dirige circa il 50% dell’export italiano.

Le risorse sono dedicate a coprire le diverse tipologie di spese che le aziende italiane affrontano per internazionalizzare il proprio business:

Patrimonializzazione. Per sostenere il livello di solidità patrimoniale delle imprese italiane che esportano all'estero e stimolare la competitività sui mercati internazionali. Importo massimo di €800mila.

Partecipazione a Fiere, Mostre e Missioni di Sistema Per la partecipazione a fiere internazionali, mostre e missioni di sistema funzionali a promuovere il proprio business sui mercati internazionali. Importo massimo di €150mila.

Programmi di inserimento sui mercati esteri. Per la realizzazione di strutture commerciali, uffici o showroom in nuovi mercati di sviluppo, ampliando la propria presenza internazionale. Importo massimo di €4 milioni.

Temporary Export Manager (TEM). Per l'inserimento temporaneo di una figura professionale specializzata nelle tematiche di export e internazionalizzazione, che possa sviluppare e potenziare il progetto di crescita internazionale (importo minimo €25mila, massimo €150mila) su 3 paesi al massimo (ad oggi è ancora esclusa l'Europa).

E-Commerce. Per accedere al mondo del commercio elettronico ed incrementare così le proprie vendite all'estero, sia direttamente con una piattaforma informatica di proprietà (importo massimo di €450mila), sia indirettamente con l'adesione a marketplace forniti da soggetti terzi. Importo massimo di €300mila.

Studi di fattibilità. Per le spese di personale, viaggi e soggiorni necessari alla redazione di studi di fattibilità finalizzati a valutare l'opportunità di effettuare un investimento commerciale (importo massimo di €200mila) o produttivo (importo massimo di €350mila) all'estero.

Programmi di assistenza tecnica. Per la formazione del personale in loco nelle iniziative di investimento all’estero (importo massimo 300mila).

Per saperne di più  >>

 

Dogane e Covid-19, misure unionali e nazionali

Easyfrontier, il partner di Anima che gestisce il servizio Dogana Facile, ha selezionato e riordinato tutte le indicazioni emanate dai diversi Organi di competenza. Il documento riassume le misure unionali e nazionali in materia di scambi internazionali che sono state attuate per far fronte alle conseguenze economiche dell'emergenza sanitaria.

In questo contesto rimane sempre operativo il servizio Dogana Facile a disposizione dei soci Anima per consulenza, informazioni e assistenza su aspetti strategici, legali e gestionali legati alle Dogane. Dogana Facile resta a disposizione per assistere le imprese per le iscrizioni alla Banca dati Rex, per l’analisi delle regole di origine e la corretta attribuzione del made in ai beni delle imprese associate.

 

Proroga pagamento dei diritti doganali

L'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha pubblicato l'informativa sulla proroga dei diritti doganali in scadenza tra il 1° maggio e il 31 luglio 2020.

 Le novità della attuale norma risiedono:

  • nell’estensione dell’ambito temporale in cui può essere chiesta la proroga – pagamenti in scadenza tra il 1 maggio ed il 31 luglio;
  • nella durata della proroga, stabilita in 60 giorni;
  • nella necessaria presenza del requisito che il pagamento comporti gravi difficoltà di carattere economico o sociale.

 

Sdoganamento delle mascherine

Il sito dell'Agenzia delle Dogane e Monopoli ha reso disponibile una Guida per lo sdoganamento delle mascherine, specificando 3 categorie di materiali, la documentazione necessaria, trattamento fiscale, destinatari del materiale e certificato CE. Viene specificato che "Nell’impossibilità di conformare i prodotti secondo quanto descritto dalle citate disposizioni questi saranno distrutti".

 

Focus Coronavirus del Ministero degli Affari Esteri

Vi segnaliamo la sezione in home page sul sito del Ministero degli Affari Esteri "Focus Coronavirus", che contiene informazioni provenienti da ambasciate e consolati, risposte a Faq relative alla normativa vigente e per chi torna dall'estero, gli interventi del ministro e altre informazioni utili.

 

Le misure commerciali poste in essere dai vari Paesi

Sul sito della World Trade Organization potete consultare una lista di misure introdotte dai Paesi aderenti all'Organizzazione, al fine di fornire informazioni aggiornate per le aziende che importatrici ed esportatrici. Questo per evitare ritardi nelle forniture, maggiori costi di sosta presso l'Ufficio doganale di destinazione derivante da adempimenti aggiuntivi richiesti e, nel caso peggiore, mancati pagamenti da parte del cliente.

 

Merci e personale all'estero, aggiornamenti dalla Farnesina

A seguito dei numerosi casi di restrizione alla circolazione verso merci italiane in esportazione, il Ministero degli Affari esteri si è attivato a tutela delle imprese, creando l'indirizzo email coronavirus.merci@esteri.it al quale segnalare le eventuali difficoltà riscontrate. 

L’Unità di Crisi del Ministero ha creato un canale dedicato a tutte le aziende che inviano personale italiano all’estero all’interno del portale Dovesiamonelmondo. La registrazione può essere effettuata manualmente dalle aziende stesse. Sarà inoltre possibile precaricare le trasferte dei dipendenti già registrate su Dovesiamonelmondo direttamente sui loro dispositivi mobili di servizio.

Il referente unico e interlocutore dell’Unità di Crisi per le operazioni suddette è il Responsabile della sicurezza della società. Al link trovate le procedure.

 

Dall'Europa

La Commissione Europea ha approvato delle "linee guida per la gestione delle frontiere" per salvaguardare il mercato interno, coordinando la gestione del transito di merci e persone nei confini interni ed esterni. Leggi qui tutti i dettagli.

 

Rientro lavoratori in Italia

Nei casi di necessità per le aziende di fare rientrare i propri lavoratori in Italia, l'Unità di Crisi della Farnesina e Alitalia stanno organizzando dei voli speciali di rientro verso l'aeroporto di Roma Fiumicino per i connazionali che attualmente si trovano in quei Paesi dove le restrizioni causate dall'emergenza sanitaria hanno previsto la sospensione dei normali voli di linea.

I voli speciali (da Romania, Regno Unito, Spagna, USA, Francia, Belgio, Sudafrica, Tunisia, Algeria) sono indicati nella sessione dedicata del sito di Alitalia.

Anche Sicuritalia, partner Anima, sta gestendo operazioni di rimpatrio di dipendenti dall'estero tramite la divisione Travel Security. Sono previsti rimpatri dalla penisola Arabica, Nord Africa e Russia. Potete contattare sales@sicuritaliasecuritysolutions.it o il 3459112116.

 

Aggiornamenti Dogane, proroga richiesta EUR1 previdimati

Come riporta la nota dell'Agenzia delle Dogane, le aziende esportatrici possono usufruire di ulteriori 60 giorni per richiedere EUR1 previdimati. Per evitare lungaggini e semplificare le procedure di esportazione, una soluzione utile è quella di ottenere lo status di Esportatore Autorizzato che permette di eseguire "attestazioni di origine preferenziale" delle proprie merci, direttamente sulla fattura e senza limiti di importo. L'Autorizzazione viene rilasciata dall'Ufficio delle Dogane competente per territorio a seguito di un audit in azienda. 

Le attestazioni in fattura sostituiscono l'emissione del certificato EUR 1 per le spedizioni verso i Paesi che hanno accordi con l'Unione Europea. Ciò consente al cliente del Paese di destinazione di non pagare dazi o di pagarli in forma ridotta. 

Per ogni necessità di approfondimento o di assistenza, il servizio Dogana Facile (massaro@anima.it) è a disposizione dei soci Anima, con un supporto anche a distanza per l'analisi dei processi e la preparazione della documentazione necessaria ad ottenere lo status di Esportatore Autorizzato.

 

Rilancio delle esportazioni, gli interventi di SACE

SACE-Simest e Unicredit hanno stanziato un plafond di 1 miliardo di euro per sostenere le imprese italiane, in particolare PMI e Mid, alle prese con gli impatti negativi causati dal Coronavirus sull’operatività aziendale.

Attraverso il plafond saranno offerti finanziamenti a breve termine (fino a 18 mesi), erogati da UniCredit e garantiti da Sace, a favore delle aziende clienti della banca, per far fronte alle esigenze di capitale circolante e permettere a queste di assorbire al meglio lo shock subito dalla filiera produttiva nazionale e internazionale a seguito della diffusione in tutto il mondo del Covid-19.

Sempre riguardo all'export, sono stati previsti ulteriori interventi di SACE per 4 miliardi per sostenere le necessità di capitale circolante delle imprese, per rilanciare le esportazioni e diversificare i mercati di riferimento. Si inserisce all'interno del Piano per la promozione del Made in Italy coordinato dal Ministero degli Affari esteri.