L'industria del riscaldamento raccoglie la sfida della transizione ecologica: le interviste ai protagonisti

Lo studio “Prestazioni energetiche e ambientali dinamiche e stagionali di generatori termici anche non convenzionali in edifici residenziali di riferimento”, a cura dell’Università di Pisa in collaborazione con Assotermica presentato lo scorso 18 novembre a Roma, conferma la priorità di agire sul parco impiantistico installato per accelerarne la riqualificazione.

 

INTERVISTA AD ALBERTO MONTANINI, PRESIDENTE ASSOTERMICA

“Le nostre richieste ai decisori politici sono: tempo, certezza, stabilità, anche da un punto di vista regolatorio.”

 

INTERVISTA ALL'ONOREVOLE PATRIZIA TERZONI, M5S

“La politica deve pensare a un mix di incentivi in base alle tecnologie disponibili sul mercato, in modo da avere la massima efficienza energetica, il minor impatto ambientale e un'effettiva riduzione delle bollette.”

 

INTERVISTA A PAOLO CONTI, UNIVERSITÀ DI PISA

“Lo Studio analizza le prestazioni di diverse tecnologie per il riscaldamento in differenti contesti climatici ed edilizi italiani per capire i margini di risparmio energetico, ambientale ed economico dell'utilizzo di vettori elettrici, di generatori a combustione alimentati a gas naturali e idrogeno verde e di sistemi ibridi. I sistemi ibridi uniscono i vantaggi tecnici e in termini di applicabilità e flessibilità delle tecnologie a combusione ed elettriche.”

 

INTERVISTA A NICOLANDREA CALABRESE, ENEA

“In merito alle nuove tecnologie, l'industria italiana è pronta. Importante sarà la formazione di progettisti e tecnici e la sensibilizzazione degli utenti finali.”

 

Tutte le news dall'associazione
Legge di Bilancio
9 gennaio 2020
Legge di Bilancio
Un futuro ibrido
10 gennaio 2019
Un futuro ibrido