Da Anima un plauso al disegno di Legge di Bilancio, «ma si può fare di più»

Il presidente di Anima Marco Nocivelli ha accolto positivamente la proroga dell’Ecobonus per la riqualificazione energetica: «Anima da sempre lavora, insieme alle sue associazioni, per fornire elementi utili alle istituzioni per individuare misure efficaci da mettere in atto per l’efficientamento energetico. 

25.01.2021

Il presidente di Anima Marco Nocivelli ha accolto positivamente la proroga dell’Ecobonus per la riqualificazione energetica: «Anima da sempre lavora, insieme alle sue associazioni, per fornire elementi utili alle istituzioni per individuare misure efficaci da mettere in atto per l’efficientamento energetico. 

Il presidente di Anima Marco Nocivelli ha accolto positivamente la proroga dell’Ecobonus per la riqualificazione energetica: «Anima da sempre lavora, insieme alle sue associazioni, per fornire elementi utili alle istituzioni per individuare misure efficaci da mettere in atto per l’efficientamento energetico. Oltre al rilancio economico dell’edilizia e della filiera annessa, l’Ecobonus – e soprattutto il nuovo Superbonus introdotto con il “Decreto Rilancio” – giocherà un ruolo fondamentale nel miglioramento dell’efficienza energetica di imprese e condomini, nell’ottica del raggiungimento degli obiettivi europei per il 2030 in ambito di decarbonizzazione e riduzione delle emissioni».

«Apprezziamo l’impegno del Governo su questi fronti» prosegue Nocivelli «Ma siamo convinti che si possa intervenire in modo ancora più deciso per dare impulso all’industria italiana e permetterle di ripartire a seguito di un drammatico 2020».

In particolare, Anima Confindustria propone una serie di interventi migliorativi riguardo al Superbonus, le cui potenzialità verranno espresse soprattutto nel prossimo futuro. Su tutti, è ritenuta essenziale una proroga, già nella cornice dell’attuale Legge di Bilancio, degli incentivi almeno fino al 2023, al fine di permettere una programmazione mirata degli investimenti da parte delle aziende e dei condomini.

Leggi il comunicato completo