"Pari passu", sostegno alle Pmi

Firmati i decreti attuativi, prendono forma gli incentivi fiscali per gli aumenti di capitale delle piccole e medie imprese in difficoltà e il Fondo Patrimonio delle Pmi da 4 miliardi gestito da Invitalia. Previsti dal decreto Rilancio (meccanismo "pari passu"), gli incentivi sono rivolti alle aziende con fatturato tra 5 e 50 milioni di euro che abbiano registrato un calo del fatturato non inferiore al 33%.

22.02.2021

Firmati i decreti attuativi, prendono forma gli incentivi fiscali per gli aumenti di capitale delle piccole e medie imprese in difficoltà e il Fondo Patrimonio delle Pmi da 4 miliardi gestito da Invitalia. Previsti dal decreto Rilancio (meccanismo "pari passu"), gli incentivi sono rivolti alle aziende con fatturato tra 5 e 50 milioni di euro che abbiano registrato un calo del fatturato non inferiore al 33%.

Gli strumenti spiegati dal ministro Gualitieri:

  • credito d'imposta al 20% dell'apporto per i soggetti che effettuano conferimenti in esecuzione di un aumento di capitale entro il 31 dicembre 2020 (fino a 2milioni con partecipazione fino al 2023);
  • ulteriore credito in favore della società "ricapitalizzata" pari al 50% delle perdite eccedenti il 10% del patrimonio netto.

Il Fondo, invece, potrà sottoscrivere obbligazioni o titoli di debito di imprese con ricavi superiori a 10milioni che effettuano un aumento di capitale non inferiore a 250mila euro.

Coronavirus