Responsabilità 231: nuovi reati e attività dell'Organismo di Vigilanza

mar 22 giugno 14:30

Il D.Lgs 231/2001 prevede la responsabilità delle società per una serie di reati commessi da manager o dipendenti. L'impresa può andare esente dalle sanzioni se mette in atto presidi organizzativi e tecnici idonei a prevenire questi rischi, mediante l'adozione di un modello di Organizzazione, Gestione e Controllo e di un Organismo di Vigilanza.

Negli anni recenti sono stati introdotti numerosi nuovi reati-presupposto, anche con riferimento a reati tributari. Quindi le aziende, oltre ad aggiornare i modelli 231, devono migliorare le procedure e la prevenzione, soprattutto dove è più difficile l'individuazione delle aree di rischio.

E' quindi fondamentale conoscere le metodologie di azione dell'Organismo di Vigilanza, pianificarne le attività e valutarne gli esiti, nella più ampia cornice della compliance aziendale.

ARGOMENTI TRATTATI

  •  Responsabilità 231 e Modelli Organizzativi: responsabilità degli enti ex D.Lgs. 231/2001 e nuovi reati
  •  I programmi di Compliance nelle società e nei gruppi
  •  L'attività dell'Organismo di Vigilanza: metodologie, pianificazione e casi pratici 

 

ISCRIVITI SUBITO

RELATORI
Avv. Nicola Traverso - Salary Partner, Lexant
Avv. PhD Antonio F. Morone - Of Counsel, Lexant
Avv. Fausto De Angelis - Of Counsel, Lexant


COME PARTECIPARE
La partecipazione è a numero chiuso ed è gratuita, previa iscrizione online. È opportuno verificare i seguenti requisiti: una connessione internet stabile (ADSL), un browser aggiornato e una connessione audio-video e l'autorizzazione all'applicazione GoToOpener. 

Per chiarimenti e informazioni: partner@industriameccanica.it
 

Quando
mar 22 giugno dalle 14:30 alle 16:00