Nuove regole per l'importazione in Algeria

ANIMA a supporto delle aziende

In riferimento alle criticità riscontrate e riscontrabili dagli operatori in Algeria a seguito della pubblicazione delle nuove disposizioni sull'import dei prodotti dall'estero (vedi news dell'11 gennaio) si evidenzia tuttavia  che esiste un accordo di libero scambio UE-Algeria e in particolare l'articolo 17 stabilisce che non debbano essere introdotte nuove restrizioni quantitative su importazioni ed esportazioni dall'UE.

Inoltre, la legge finanziaria algerina  per il 2018 prevede un aumento al 30% e 60% dei dazi all'importazione di 129 linee tariffarie, mentre l'articolo 11 dell'accordo UE-Algeria fissa il limite massimo del 25% del valore delle merci per i dazi. Pertanto tale aumento previsto  non può essere disposto per i prodotti di origine preferenziale UE.

L'importatore è tenuto a presentare una serie di  documenti al proprio cliente algerino e in particolare un certificato rilasciato dall'autorità competente del proprio Paese (non ben specificata), che attesti la libera commercializzazione dei prodotti all'interno del Paese. Nell'ambito dell'Unione Europea tale autorità sembrerebbe identificarsi nelle Camere di Commercio, mentre in Italia molte Camere di Commercio rifiutano di procedere a tale rilascio.

ANIMA ricorda che attraverso i referenti del Progetto Dogana Facile - in collaborazione con Easy Frontier - è a disposizione delle aziende associate che avessero necessità di ricevere un supporto in tal senso (internazionalizzazione@anima.it).

Di interesse per: 
Generale
Fonte: 
Anima
31/01/2018

Aziende e prodotti

  • Elenco Soci e merceologie

    In questa sezione si trova il Repertorio delle Aziende associate ANIMA, database completo e funzionale delle imprese italiane del settore meccanico.