Nuove Regole Antidumping – Il voto del Parlamento Europeo

Nel corso della seduta del 15 novembre, il Parlamento Europeo ha votato il regolamento di modifica della metodologia antidumping, che introdurrà nuove norme per contrastare le importazioni da paesi terzi oggetto di dumping e sovvenzioni.
 
Il 3 ottobre scorso era già stato raggiunto un accordo informale tra i deputati e i negoziatori del Consiglio dell’Unione, ma per l’entrata in vigore delle nuove regole era necessaria l'approvazione della Plenaria.
 
Il risultato raggiunto rappresenta un compromesso tra le diverse spinte e – grazie anche all’intervento deciso dell’Italia soprattutto in sede di Consiglio dell’Unione – ha segnato  l’abbandono dell’ipotesi del riconoscimento dello status di Economia di Mercato alla Cina e l’introduzione di  un nuovo meccanismo di calcolo del dumping basato sul concetto di presenza di distorsioni significative.
 
Tra gli aspetti introdotti, le nuove norme imporranno ai partner commerciali e ai produttori al di fuori dell'Unione Europea, per la prima volta a livello mondiale, il rispetto delle norme internazionali sul lavoro e sull’ambiente.
 
La Commissione Europea monitorerà la situazione nei Paesi esportatori e le Imprese dell’Unione potranno basarsi sulle relazioni della Commissione per la presentazione di reclami e non dovranno fornire alcuna prova supplementare sul dumping.
 
Ultimo passo sarà l’approvazione formale da parte del Consiglio dei Ministri del Commercio UE, che si riunirà il 30 novembre – 1 dicembre.

Di interesse per: 
Generale
Di interesse per: 
Industria
Fonte: 
Area tecnica
17/11/2017

Aziende e prodotti

  • Elenco Soci e merceologie

    In questa sezione si trova il Repertorio delle Aziende associate ANIMA, database completo e funzionale delle imprese italiane del settore meccanico.