Regolamento CPR – Studio di supporto sulla valutazione e valutazione dell'impatto

La Commissione Europea ha pubblicato le relazioni finali relative allo studio di supporto sulla valutazione e valutazione dell'impatto del Regolamento (UE) n. 305/2011 ‘CPR’.
Dalla relazione finale presentata emerge che non dovrebbe essere avviato un cambiamento radicale del quadro legislativo o, cosa più importante, l'abrogazione del Regolamento CPR. La relazione raccomanda che il Regolamento CPR possa essere migliorato "mediante una legge non vincolante, integrata da una revisione legislativa limitata per affrontare questioni molto specifiche".
Tra queste questioni:
il miglioramento e l'introduzione di disposizioni di semplificazione,
l'introduzione di adeguato sistema di sorveglianza del mercato e di disposizioni applicative,
il miglioramento delle regole relative agli Organismi notificati
il miglioramento delle procedure legate alle ETA e dell'EOTA
il chiarimento del rapporto tra il Regolamento CPR e il Regolamento (UE) n.1025/2012 relativo alla standardizzazione, così come altre disposizione dell'Unione, tra cui il miglioramento della coerenza tra il Regolamento CPR e la legislazione sulla progettazione ecocompatibile
la razionalizzare del lavoro normativo e il miglioramento del coordinamento tra gli Organismi Notificati
 
La relazione finale è disponibile al seguente link.

Di interesse per: 
Generale
Fonte: 
Area tecnica
28/11/2018

Aziende e prodotti

  • Elenco Soci e merceologie

    In questa sezione si trova il Repertorio delle Aziende associate ANIMA, database completo e funzionale delle imprese italiane del settore meccanico.