Ecodesign dei motori elettrici - Nuova bozza di revisione del regolamento

Ecodesign dei motori elettrici - Nuova bozza di revisione del regolamento

La DG Energy ha aperto la procedura di interservice-circulation per la proposta di revisione del regolamento 640/2009 sull’ecodesign dei motori elettrici (Lot 30).
 
Con questa procedura, la DG responsabile per lo sviluppo della proposta, condivide il testo con tutte le altre DG della Commissione per dare modo alle stesse di commentarla.
Il passo ulteriormente successivo sarà la pubblicazione del testo sul “Better Regulation Portal” con l’apertura di un periodo di consultazione pubblica alla quale tutti possono accedere e commentare (probabilmente a Settembre).
 
Di seguito alcuni dei punti principali della proposta:
 
•    Art.2 Campo di applicazione:
Motori elettrici a induzione con frequenza 50 o 50/60 Hz, 2/4/6/8 poli, Un da 50 a 1.000 V, P da 0,12 a 1.000 kW, classificati per funzionamento a ciclo continuo
VSD classificati per operare con i motori di cui sopra che hanno P da 0,75 a 1.000 kW.
•    La lista dei motori esclusi dal campo di applicazione è molto più corposa rispetto a quella dell’attuale regolamento e prevede una nuova definizione di motore completamente integrato in un prodotto (vedere art 4 punto 2). Interessante notare l’introduzione di un esenzione fino al 1/1/2029 per motori e VSD venduti come ricambi di motori, dello stesso tipo, installati in prodotti e immessi sul mercato entro il 1/1/2022
•    Annex I Requisiti Ecodesign
Dal 30/06/2020 Livello Minimo IE3 per Motori:
 Trifase
P da 0,75 a 1.000 kW
2/4/6 poli
Che non siano autofrenanti o increased safety motor
Dal 30/06/2020 Livello Minimo IE1 per VSD con P da 0,75 a 1.000 kW
Dal 1/1/2022
Livello Minimo IE2 per Motori:
Trifase con P da 0,12 a 0,75 kW
Monofase
Increased safety motor
Livello Minimo IE3 per Motori
Trifase con P da 0,75 a 1.000 kW
Dal 1/1/2022
Livello Minimo IE2 per VSD con P da 0,75 a 220 kW
Livello Minimo IE1 per VSD con P da 220 a 1.000kW
•    I requisiti informativi sono analoghi a quelli già previsti dal regolamento attuale. E’ eliminata la richiesta di inserire le informazioni nei siti web dei prodotti nei quali il motore è incorporato (rimane solo il requisito di inserire le informazioni sulla documentazione tecnica).
•    La proposta prevede la valutazione di un’ulteriore revisione entro 5 anni dall’entrata in vigore (art. 9).

Il testo è disponibile per i Soci ANIMA (tecnico@anima.it).

Di interesse per: 
Generale
Fonte: 
Area tecnica
18/07/2018

Aziende e prodotti

  • Elenco Soci e merceologie

    In questa sezione si trova il Repertorio delle Aziende associate ANIMA, database completo e funzionale delle imprese italiane del settore meccanico.