Direttiva Macchine – Consultazione pubblica della Commissione Europea – Scadenza 11.02.2019

La Commissione europea ha pubblicato il documento di Inception impact assesment sulla revisione della direttiva macchine. Il documento è reperibile al presente link https://ec.europa.eu/info/law/better-regulation/initiatives/ares-2018-6426989_it ed è inoltre possibile fornire commenti fino all’11 Febbraio.
 
In accordo ai risultati dello studio di valutazione della direttiva macchine pubblicato un paio di anni fa, ci si aspetta che la revisione della direttiva sia volta a migliorare la chiarezza giuridica del campo di applicazione e di alcune definizioni, a rafforzare la coerenza con il quadro legislativo dell'UE, nonché a considerare 'esigenze di semplificazione e adeguamento al progresso tecnico (con particolare attenzione alle sfide poste dalla digitalizzazione).
 
Gli obiettivi specifici della revisione sono duplici:
1. creazione di condizioni di parità per gli operatori economici e promozione della competitività del settore dei macchinari nel mercato globale e digitale; e
2. aumentare il livello di fiducia dei consumatori e degli operatori nelle tecnologie digitali
 
Le opzioni politiche che verranno prese in considerazione sono le seguenti:
• opzione 0 - scenario di base (nessuna modifica);
• opzione 1 - allineamento della direttiva con il "nuovo quadro legislativo", senza modifiche sostanziali del contenuto attuale (campo di applicazione, definizioni, requisiti essenziali di salute e sicurezza);
• opzione 2 - allineamento della direttiva con il "nuovo quadro legislativo", con modifiche a:
-     Campo di applicazione e definizioni, ad es. adeguare l'elenco dei prodotti esclusi in quanto soggetti alla direttiva bassa tensione esclusi o migliorare la definizione di "quasi-macchina”  e / o
-     i requisiti essenziali di salute e sicurezza, in modo da:
consentire la documentazione digitale; e / o
trattare esplicitamente aspetti relativi alle tecnologie digitali emergenti, ad es. AI, sicurezza informatica, IoT.
• opzione 3 - adeguare lo scopo e le definizioni della direttiva e / o i requisiti essenziali di sicurezza e salute (come nell'opzione 2) senza allinearla al "nuovo quadro legislativo"; e
• opzione 4 (unitamente all'opzione 1, 2 o 3) - convertire la direttiva in un regolamento.
 
Le opzioni 1 e 4 non dovrebbero avere impatti significativi. Inoltre l'opzione 4 dovrebbe ridurre i costi e prevenire i ritardi associati al recepimento a livello nazionale.
 
Le opzioni 2 e 3 potrebbero generare benefici per quanto riguarda:
• il mercato del lavoro (affrontando la crescente domanda di competenze digitali - la necessità di potenziare / riqualificare i lavoratori per far funzionare nuovi macchinari digitali)
• l'ambiente (riduzione o eliminazione della produzione di documentazione cartacea)
• la protezione dei diritti connessi all'informazione, come i dati personali e la privacy (se i requisiti sono estesi alla sicurezza informatica)
• la riduzione degli oneri amministrativi, compresi i costi per le imprese (in particolare le PMI) attraverso il miglioramento del campo di applicazione, delle definizioni e dei requisiti essenziali e consentendo la documentazione digitale.
 
Prossimi passi
• Gennaio 2019 - Febbraio 2020: studio di valutazione dell'impatto che deve essere eseguito da un contraente esterno
• Secondo trimestre 2019: consultazione pubblica
• Secondo trimestre 2021: adozione della proposta della CE sulla nuova Direttiva / Regolamento Macchine

Di interesse per: 
Generale
Fonte: 
Area tecnica
15/01/2019

Aziende e prodotti

  • Elenco Soci e merceologie

    In questa sezione si trova il Repertorio delle Aziende associate ANIMA, database completo e funzionale delle imprese italiane del settore meccanico.