Credito d’Imposta per attività di ricerca e sviluppo – Circolare Agenzia delle Entrate-MiSE

Lo scorso 27 aprile, l’Agenzia delle Entrate, in collaborazione con il Ministero dello Sviluppo Economico, ha diramato la Circolare n. 13/E con la quale fornisce tutta una serie di istruzioni per fruire del bonus per gli investimenti in ricerca e sviluppo, strumento significativamente potenziato con le modifiche introdotte nella Legge di bilancio 2017.
Tra le novità in forza da quest’anno:
la concessione di un anno in più (quindi fino al 2020) per effettuare gli investimenti,
l’innalzamento da 5 a 20 milioni di euro dell’importo massimo annuale del credito che ciascun beneficiario può maturare mentre l’aliquota aumenta al 50% e diventa unica per tutti i tipi di spese ammissibili (esterne o interne),
l’estensione del benefico anche alle imprese residenti che svolgono attività di ricerca e sviluppo per conto di imprese committenti non residenti
la possibilità di agevolare le spese relative a tutto il personale impiegato in Ricerca&Sviluppo, a prescindere dalla qualifica e dal titolo di studio del lavoratore.
         
Attraverso la circolare vengono esaminate le modifiche introdotte dalla Legge di bilancio 2017: per quanto non innovato si viene invece rimandati al decreto del Ministero dell’economia e delle finanze, di
concerto con il Ministro dello sviluppo economico del 27 maggio 2015, nonché alla Circolare n. 5/E dell’Agenzia delle Entrate del 16 marzo 2016 con la quale sono stati forniti i primi chiarimenti interpretativi in merito alla disciplina agevolativa in esame.

Di interesse per: 
Generale
Di interesse per: 
Industria
Fonte: 
Area tecnica
02/05/2017

Aziende e prodotti

  • Elenco Soci e merceologie

    In questa sezione si trova il Repertorio delle Aziende associate ANIMA, database completo e funzionale delle imprese italiane del settore meccanico.