RISULTATI per le imprese del trattamento acque 2017

AQUA ITALIA, grazie al costante dialogo e confronto con le Istituzioni italiane, è lieta di annunciare il raggiungimento di tre importanti risultati sul piano legislativo e della regolamentazione tecnica.

Parametro durezza acqua - Chiarimento del Ministero Salute>>
 
AQUA ITALIA ha richiesto al Ministero della Salute un chiarimento sulle norme in vigore relative alla cosiddetta “durezza” (contenuto di calcio e magnesio) dell'acqua potabile che legittima pienamente l'uso degli addolcitori anche in presenza di modesti valori di durezza dell'acqua e consente alle aziende del settore di operare con certezza nel rispetto del decreto ministeriale 25 del 2012, offrendo ai consumatori una adeguata informazione.
La risposta del Ministero invia anche un preciso segnale a quelle strutture sanitarie che applicano erroneamente la normativa, discriminando qualsiasi trattamento dell'acqua.
 
Trattamento acqua e efficienza energetica – Chiarimento Ministero Sviluppo Economico>>
 
AQUA ITALIA ha ottenuto la pubblicazione sul sito del Ministero dello Sviluppo Economico di un un chiarimento (FAQ) per agevolare l’applicazione delle regole sui requisiti minimi di prestazione energetica degli edifici.
Nello specifico è stato chiarito che per gli impianti termici dedicati alla climatizzazione invernale (potenza KW è sempre obbligatorio il trattamento dell’acqua nel circuito di riscaldamento, lo è in entrambi i circuiti (riscaldamento e sanitario) se l’impianto produce anche acqua sanitaria (caldaia combinata).
 
Trasmissione telematica dei corrispettivi delle vending machine (nella fattispecie “Case dell’acqua”) – Chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate>>  
 
AQUA ITALIA ha partecipato al tavolo di lavoro istituito dall’Agenzia delle Entrate per regolamentare la trasmissione telematica dei corrispettivi derivanti dall’utilizzo di distributori automatici, con particolare riferimento alle “Case dell’Acqua”. Per le “Case dell’acqua” si trattava di una novità, pertanto AQUA ITALIA si è adoperata sia per ottenere una proroga per le Pubbliche Amministrazioni o i soggetti economici che gestiscono case dell’acqua che erogano acqua a pagamento, ma non ancora dotati di porta di comunicazione, sia per ottenere chiarimenti sulle modalità di trasmissione dati da parte dei gestori di “Case dell’Acqua”.

Di interesse per: 
Generale
Fonte: 
Associazione
09/02/2018