AQUA ITALIA audita in Commissione Ambiente

Aqua Italia, l'associazione che rappresenta i costruttori e i produttori di impianti, prodotti chimici, accessori e componenti per il trattamento delle acque primarie (non reflue) per uso civile, industriale e per piscine , è stata audita il 12 dicembre nell'ambito dell'esame delle proposte di legge DAGA e BRAGA  in materia di gestione pubblica dell'acqua.

Per approfondimenti sullo svolgimento dei lavori, si rimanda alla registrazione video dell'audizione.

L’intervento di AQUA ITALIA, l’ultimo del pomeriggio, inizia al minuto 4:09:27.

In sintesi, AQUA ITALIA ha espresso forti perplessità su una gestione pubblica dell’acqua nei termini proposti con la legge DAGA perché, soprattutto con il blocco del regime delle Concessioni e la relativa riforma che sarebbe introdotta, rischia di generare incertezza e blocco degli investimenti in un momento cruciale conseguente al prossimo adeguamento degli impianti ai futuri requisiti circa la qualità delle acque destinate al consumo umano e necessità di riammodernamento delle reti e dei processi. Apprezzamenti sono invece stati espressi da AQUA ITALIA in merito ad alcuni articoli della Legge BRAGA che, nel complesso, sembra garantire maggior stabilità e interventi di riforma del sistema idrico più graduali.


Scaletta interventi
ore 14.10: rappresentanti di Ref Ricerche;
ore 14.30: rappresentanti Fondazione Amga;
ore 14.50: rappresentanti Romagna Acque – Società delle Fonti;
ore 16.15: rappresentanti di CGIL, CISL e UIL;
ore 16.45: rappresentanti del Sindacato di Base Usb;
ore 17.30: rappresentanti dell’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo;
ore 18.00: rappresentanti Aqua Italia Federazione Anima.

Di interesse per: 
Generale
Fonte: 
Associazione
13/12/2018
AllegatoDimensione
Documento Aquaitalia Audizione Legge Daga 12.12.2018190.64 KB