Area Consulenza

Il Progetto Dogana Facile, grazie al suo team di esperti, fornisce consulenza su temi di interesse strategico per le iimprese:

•    Origine delle merci

•    Dual use

•    Made in

•    Embargo Iran

 •    Accordi bilaterali UE-Corea e altri Paesi

•    Classifica doganale

•    Incoterms

•    Dazi e documentazione per esportare in specifici Paesi

•    Semplificazioni doganali

•    Le dichiarazioni d'intento

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Approfondisci qui ciascuna tematica e/o richiedi informazioni al referente del Progetto (Dott.ssa Massaro 02.45418305).


•    Origine delle merci
La corretta determinazione dell’origine della merci a salvaguardia dell’esatta dichiarazione in dogana: la problematica legata alla dichiarazione di lungo termine dei fornitori. Le sanzioni penali ed amministrative correlate. Come comportarsi?
L’analisi della corretta attribuzione dell’origine delle merci come fase preliminare ad una attestazione consapevole, volta a fruire dei benefici previsti dagli accordi tra UE e Paesi terzi, in tema di agevolazioni daziarie. Qual’e la procedura corretta?

•    Dual use

 La conoscenza del Regolamento dual use e la corretta codifica doganale delle merci. Quando necessita la relazione tecnica? Un prodotto riconosciuto come “dual use” può essere esportato? Quando e come richiedere l’autorizzazione ministeriale?

Sistema di Controllo delle Esportazioni di beni a Duplice Uso dell’UE
Il 30 giugno 2011 la Commissione Europea ha adottato il Libro Verde sul Sistema di Controllo delle Esportazioni di beni a Duplice Uso dell’UE, con l’obiettivo di iniziare un processo di revisione delle esportazioni dei beni a duplice uso, partendo dalla revisione dei singoli provvedimenti nell’attuale quadro di controllo delle esportazioni, per giungere, successivamente, ad una progressiva e completa riforma dell’intero sistema di controllo dei beni a duplice uso.
Il rilascio delle autorizzazioni avviene a seguito della presentazione di una istanza, corredata da varia documentazione (dichiarazione d’uso finale, contratto da cui deriva la fornitura….).

In Italia, la competenza per il rilascio delle autorizzazioni è del Ministero dello Sviluppo Economico, quale autorità preposta alla vigilanza sui beni duali, per poter procedere alla esportazione dei beni stessi

Easyfrontier nell’ambito del Progetto Dogana Facile può affiancare l’azienda in tutto l’iter per il conseguimento di ogni tipologia di autorizzazione all’esportazione, assistendo l’Azienda nella valutazione dell’autorizzazione da richiedere, nella predisposizione delle istanze e nel reperimento della documentazione di corredo, dialogando con l’autorità preposta al rilascio dell’autorizzazione, fino all’ottenimento della stessa.

Tutte le parti interessate sono invitate a esprimere il loro parere per quanto riguarda i problemi e le questioni sollevate nel Libro verde. 

Scarica il questionario integrale

Scarica il  GREEN PAPER

 

•    Made in
La fallace o falsa attestazione di origine delle merci. Il problema dell’etichetta che trae in inganno il consumatore: il sequestro della merce in dogana. Quali sono i rimedi per ovviare al sequestro ed avere prontamente la merce a disposizione?

Le lavorazioni effettuate all’estero, il traffico di perfezionamento passivo: E’ possibile ottenere un prodotto “Made in Italy”. Quali sono gli elementi da considerare?

Clicca l'immagine e scarica gratuitamente la GUIDA MADE IN, prezioso strumento di orientamento realizzato da ANIMA con il patrocinio dell’Agenzia delle Dogane in collaborazione con Easyfrontier.



 

 

 

•    Embargo Iran

La decisione assunta dal Consiglio dell’Unione Europea blocca (al di là del congelamento dei fondi della Banca Centrale Iraniana – oggetto del Regolamento 54/2012 – e dell’embargo sull’acquisto di prodotti petroliferi) l’esportazione verso l’Iran di tecnologie, materiali, componenti connessi con l’industria petrolchimica: naturalmente, tale embargo va ad aggiungersi alle restrizioni già esistenti. Scarica la notizia completa

 •    Accordi bilaterali UE-Corea e altri Paesi
Esportare in Corea? Attenzione ad usare l’EUR 1 non è previsto. Bisogna ricorrere all’autorizzazione di “esportatore autorizzato”, se si vuole accedere alle agevolazioni previste negli scambi preferenziali UE/Corea.

•    Classifica doganale
La classificazione doganale della merce rappresenta un elemento fondamentale ai fini di una corretta dichiarazione doganale. Quali sono i rischi legati ad una inesatta codifica? Quali sono le indagini necessarie per avere la certezza di una codifica corretta?

•    Incoterms
Le modifiche avvenute nel 2010. Le condizioni di consegna della merce sono variate, identificare quella corretta da indicare nei documenti ufficiali, mette al riparo da sgradite e insidiose sorprese. A cosa fare attenzione?  

•    Semplificazioni doganali
Dogana sempre più facile nella UE, a portata di azienda. Le semplificazioni previste dal codice doganale comunitario avvicinano l’azienda alla dogana e le consentono di sdoganare in autonomia. Lo sdoganamento diventa una funzione interna all’azienda, senza l’intervento sistematico della dogana grazie alle “Procedure di domiciliazione doganale”.
L’attestazione di origine direttamente in fattura evita il “mod. EUR 1” (e simili). Non è più necessario recarsi in dogana per la sua emissione riducendo tempi e costi delle operazioni.
La certificazione di Operatore Economico Autorizzato consente all’azienda di ottenere il riconoscimento di affidabilità doganale e di sicurezza nei confronti dei maggiori partner internazionali.

 Le dichiarazioni d'intento
Dal 12 Febbraio 2015 le dichiarazioni d’intento per l’utilizzo del plafond in Dogana non potranno più essere presentare in forma cartacea agli uffici della Dogana stessa ma dovranno essere trasmesse telematicamente all’Agenzia delle Entrate. Dal 1°Gennaio è già attiva questa nuova procedura che per il periodo transitorio prevedrà la coesistenza con la vecchia. Dal 12 Febbraio vige l’obbligo di trasmettere le dichiarazioni in via telematica e di riscontrare l’avvenuta presentazione della dichiarazione all’Agenzia delle Entrate.
In sintesi non saranno più i fornitori degli esportatori abituali a dover comunicare al Fisco i dati delle lettere d’intento ricevute, ma dovranno essere gli stessi esportatori ad inviare le dichiarazioni d’intento, utilizzando un nuovo modello secondo la modalità sopra descritta.
Easyfrontier nell’ambito del Progetto Dogana Facile e attraverso i propri professionisti abilitati potrà fornire agli operatori interessati il servizio di predisposizione, trasmissione telematica e gestione delle dichiarazioni di intento qa costi convenzionati per i soci ANIMA.

Aziende e prodotti

  • Elenco Soci e merceologie

    In questa sezione si trova il Repertorio delle Aziende associate ANIMA, database completo e funzionale delle imprese italiane del settore meccanico.