Gruppo G - Sistemi di riscaldamento a irraggiamento

Capo Gruppo Ing. Luciano Santi Systema Spa

Il Gruppo si riunisce periodicamente per l’esame degli argomenti che interessano la rispettive attività sia in ambito nazionale che europeo. Ci si riferisce, ad esempio, alle evoluzioni sia di Direttive che di normative e il confronto tra le Aziende è fondamentale in quanto consente all’Associazione di giocare un importante ruolo sui tavoli nazionali ed europei laddove sia necessario portare il punto di vista delle Aziende  di Assotermica.
l temi principali trattati all'interno del  Gruppo possono riassumersi nei seguenti:
- partecipazione ai lavori degli enti normatori italiani UNI - CIG – CTI
- partecipazione ai Comitati tecnici CEN di normazione;
- partecipazione ai Comitati europei dei costruttori;
- interpretazione della legislazione (direttive comunitarie, leggi e decreti italiani)
Le aziende del gruppo:
All’interno di Assotermica, il Gruppo G è costituito dai principali costruttori nazionali di sistemi e apparecchi per il riscaldamento radiante ad alta temperatura:
Le aziende del gruppo:

CARLIEUKLIMA S.P.A. - IMPRESIND S.R.L. - OFFICINE TERMOTECNICHE FRACCARO S.R.L. - SYSTEMA S.P.A.

Definizione dei sistemi radianti

I sistemi radianti ad alta temperatura sono dispositivi atti a riscaldare volumetrie medio-grandi sfruttando la trasmissione del calore per irraggiamento.
Il calore si propaga in tre diversi modi: conduzione, convezione e irraggiamento. Con l’irraggiamento (il cui effetto è analogo a quello dei raggi solari) è possibile scaldare gli oggetti e le persone senza la necessità di scaldare anche l’ambiente circostante.
Nei sistemi a irraggiamento l’effetto utile è raggiunto portando ad alta temperatura una superficie, che emette così radiazione infrarossa verso la zona da riscaldare.
Tre sono le tipologie di apparecchi maggiormente utilizzate:


Sistemi a incandescenza
Si tratta di sistemi dove una superficie metallica o ceramica, viene portata ad alta temperatura tramite combustione di gas o per mezzo di resistenze elettriche, fino a diventare incandescente. L’elemento radiante è contenuto in un involucro che funge da schermo di protezione e che indirizza la radiazione termica verso le zone da riscaldare.


Tubi radianti.
Sono costituiti da un tubo metallico dotati di un bruciatore ad un’estremità. I prodotti della combustione percorrono internamente il tubo, scaldandolo e sono scaricati all’estremità opposta.
La superficie del tubo si scalda e scambia calore irraggiamento con l’ambiente circostante. Così come per i sistemi a incandescenza, il tubo è opportunamente schermato per direzionare la radiazione termica.
Costruttivamente sono spesso realizzati piegando un tubo di qualche metro di lunghezza a forma di “U” stretta, cosicché bruciatore e scarico dei fumi si trovano dallo stesso lato. Le temperature medie superficiali dei tubi radianti sono inferiori a quelle dei sistemi a incandescenza e si aggirano generalmente sui 350 °C.


Nastri radianti.
Concettualmente non si discostano dai tubi radianti, ma sono costruiti con diametri del tubo più elevati e con un maggiore sviluppo in lunghezza (svariate decine di metri) e prevedono il ricircolo dei fumi. Anche questi sistemi sono dotati di schermi per indirizzare la radiazione infrarossa e sono caratterizzati da temperature superficiali dell’elemento radiante più basse rispetto agli altri sistemi (150-300 °C).


Una caratteristica di tutti i sistemi radianti è quella di raggiungere le temperature di funzionamento in tempi molto brevi (pochi minuti)


Comitati di normazione di riferimento
CEN TC 180 – Decentralized gas Heating
CIG C4 interfaccia nazionale CEN/TC180
CTI SC6 GL 601 – Impianti di riscaldamento: progettazione, fabbisogni di energia e sicurezza

Direttive e regolamenti CE
Direttiva 2010/31/CE EPBD recast (Energy Performance of Buildings Directive)
Direttiva 2009/142/CE apparecchi a gas
DG ENER Lot 20 Local room heating products

Leggi e decreti

D.P.R . 01-08-2011 n° 151.  Nuovo regolamento di prevenzione incendi
Decreto 27 luglio 2010 Regola tecnica di prevenzione incendi per le attività commerciali.

ACCEDI AI CONTENUTI RISERVATI