Energia

AQUA ITALIA, Associazione delle aziende costruttrici e produttrici di impianti per il trattamento delle acqua primarie, federata ad ANIMA - CONFINDUSTRIA, è da sempre impegnata nella promozione del ruolo chiave dell'acqua domestica ad uso tecnologico ricordando che, ad esempio, il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria sono settori rilevanti ai fini dei consumi di energia ed emissioni che incidono per circa il 60% (in energia primaria) sui consumi complessivi del settore civile.

A tal proposito si ricorda che installando nella propria caldaia un piccolo sistema di rilascio di polifosfati è possibile ottenere un risparmio economico annuale di quasi il 20% sui costi generalmente sostenuti per il riscaldamento, stimato in 250/300 euro a famiglia. Questo, inoltre, garantisce la piena efficienza dei propri impianti impedendo la formazione di calcare.

E' proprio il calcare, infatti, una fra le principali cause di perdita di efficienza dei sistemi di riscaldamento. Con il trattamento dell'acqua è possibile un recupero di efficienza delle caldaie tra il 15 e il 17%/anno a cui si deve integrare il 5/6% sul circuito di riscaldamento. Questo si traduce in un doppio vantaggio per il consumatore: una diminuzione della dispersione di energia e un notevole risparmio economico in bolletta.

Immagine: