Recuperi termici

Industrie energivore così come processi e lavorazioni industriali di vario tipo danno frequentemente come “sottoprodotto” del calore a varie temperature, che troppo spesso viene sprecato smaltendolo nell’ambiente esterno.
Oggi sono disponibili tecnologie che consentono il recupero e la valorizzazione di questo calore, con la produzione di energia elettrica o frigorifera da cascami termici a costi marginali quasi nulli.
Il flusso termico “di scarto” può essere, infatti, sfruttato in cicli cogenerativi “bottoming” per la produzione di energia elettrica, così come in gruppi frigoriferi ad assorbimento, per la produzione di energia frigorifera. L’energia elettrica può essere autoconsumata ovvero esportata verso la rete esterna, mentre l’energia frigorifera può essere usata per esigenze produttive o, ad esempio, per la climatizzazione degli ambienti.