Cos'è la cogenerazione

COGENERAZIONE è la produzione combinata di energia elettrica e calore alle condizioni definite dall’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas, che garantiscano un significativo risparmio di energia rispetto alle produzioni separate”, così recita il decreto Legislativo 16 marzo 1999, n°79, articolo 2, comma 8.

La conversione di energia primaria (tipicamente fornita da un combustibile) in energia meccanica e/o elettrica,  comporta, indipendentemente dalla tecnologia, la produzione di una quotaparte di calore che viene normalmente dissipato nell'ambiente esterno. Con la cogenerazione è possibile recuperare gran parte di questo calore altrimenti disspato, con rilevanti risparmi economici ed energetici.

Cogenerare significa quindi produrre contemporaneamente energia termica ed elettrica, entrambe intese come effetto utile. Se poi alla produzione elettrica e termica si affianca anche la produzione di enegia frigorifera, si parla allora di TRIGENERAZIONE.

Il vantaggio della cogenerazione è poi ancora più evidente nel momento in cui l’energia primaria è rinnovabile 8ad esempio derivante dalla combustione di biomasse).

Anche ai fini del raggiugimento degli obiettivi 20/20/20, il valore della cogenerazione è stato da tempo ufficialmente riconosciuto dall'Unione Europea con la direttiva 2004/8/EC.


Cogenerazione ad alto rendimento
Affinchè un impianto di cogenerazione sia riconosciuto come "Cogenerazione ad Alto Rendimento" (CAR), la sua produzione di energia elettrica/meccanica e termica deve rispettare determinati vincoli, definiti nel Decreto legislativo 8 febbraio 2007, n. 20 e nel decreto integrativo DM 4 agosto 2011.


"Piccola cogenerazione" e "micro cogenerazione"

La Direttiva 2004/8/CE definisce unità di "micro-cogenerazione" gli impianti di cogenerazione con potenza eletrica massima inferiore a 50 kWe; unità di «piccola cogenerazione» gli impiantidi cogenerazione con potenza elettrica inferiore a 1Mwe.