Piano di lavoro 2012-2014 della Commissione Europea per la Direttiva Ecodesign

L’Ecodesign  insieme al labelling energetico è ampiamente riconosciuto come uno dei più efficaci strumenti legislativi nel campo dell’efficienza energetica. Il suo obiettivo è l'incremento della performance energetica e ambientale dei prodotti all’interno del loro intero ciclo di vita. Con l’ottimizzazione di tali performance unitamente al mantenimento della  qualità dei prodotti, la Direttiva fornisce nuove opportunità a costruttori, utilizzatori e alla società nella sua interezza.

In ottemperanza a quanto prescritto dall'articolo 16 della Direttiva Ecodesign, la Commissione Europea ha pubblicato un piano di lavoro per il biennio 2012-2014 che definisce una lista indicativa dei gruppi di prodotti connessi all’energia che saranno considerati prioritari per la stesura degli studi preparatori e delle eventuali misure di implementazione della Direttiva.

Nella sua prima pubblicazione del 2005, la Direttiva al suo interno indicava già una lista di 8 gruppi di prodotto. Nel 2009 è stato poi pubblicato il primo piano di lavoro per il periodo 2009-2011 che indicava ulteriori 10 gruppi di prodotto.
Sulla base di queste due liste, la Commissione Europea, a partire dal 2005, ha lanciato 37 studi preparatori e ha pubblicato 17 misure di implementazione della Direttive Ecodesign per specifici prodotti. Entro il 2014 si prevede di concludere i lavori su 31 ulteriori misure di implementazione e riconoscere 4 accordi volontari proposti dall’industria.
La Commissione ha ora pubblicato il secondo piano di lavoro della direttiva Ecodesign per il periodo 2012-2014. Prima della stesura di tale piano è stata commissionata ad un ente esterno la realizzazione di uno studio per identificare i prodotti connessi all’energia che presentano significative potenzialità di miglioramento e che non erano stati presi in considerazione nei precedenti piani di lavoro. Sulla base di questa valutazione, la Commissione ha indicato una lista di 12 gruppi di prodotto che dovranno essere considerati nel periodo 2012-2014 per la possibile adozione di misure di implementazione. Per alcune delle categorie individuate c’è la possibilità di una sovrapposizione con un certo numero di studi preparatori già attivati sulla base dei precedenti piani di lavoro e alcuni regolamenti in fase di revisione. Per questa ragione la lista dei prodotti è stata divisa in una lista prioritaria e una lista “condizionale”.
La lista indicativa prioritaria include:
-    Prodotti per finestre di edifici
-    Generatori di vapore con potenza al di sotto dei 50 MW
-    Cavi di alimentazione
-    Server e apparecchiature per il data storage
-    Smart meters
-    Apparecchi  di refrigerazione per la conservazione del vino
-    Prodotti connessi all’acqua (es. docce e rubinetti)
E’ stato stimato che i risparmi energetici totali potenzialmente ottenibili nelle categorie sopracitate sarebbero pari a poco meno di 3.000 PJ all’anno entro il 2030.
La lista “condizionale” dei gruppi di prodotti dove l’apertura di uno studio preparatorio dipende dal risultato di altri processi regolatori già in corso comprende:
-    Pompe volumetriche
-    Motori FHP
-    Riscaldamento controllato
-    Illuminazione controllata
-    Prodotti per l’isolamento termico degli edifici
La valutazione delle priorità da parte della Commissione può essere soggetta a cambiamenti dopo valutazioni più approfondite per mezzo degli studi preparatori. Gli studi preparatori stimeranno con maggiore dettaglio i potenziali miglioramenti ambientali ottenibili per ciascun gruppo di prodotto e forniranno gli elementi per l’identificazione delle più opportune misure di implementazione.
All’interno del nuovo piano di lavoro pubblicato, la Commissione incoraggia ancora una volta i settori industriali a proporre misure di autoregolamentazione che possono essere utili a raggiungere gli obiettivi fissati dalla direttiva ecodesign in maniera più veloce e meno costosa per  costruttori e consumatori.

In allegato il piano programmatico della Commissione Europea.

AllegatoDimensione
comm-swd-2012-434-ecodesign_en.pdf110.53 KB

Aziende e prodotti

  • Elenco Soci e merceologie

    In questa sezione si trova il Repertorio delle Aziende associate ANIMA, database completo e funzionale delle imprese italiane del settore meccanico.