Assoclima al workshop ISPRA sulle tecnologie alternative agli HFC

Data: 
23/07/19

Il 12 luglio scorso Assoclima ha partecipato alla tavola rotonda delle associazioni di categoria invitate a confrontarsi sul tema degli HFC nell’ambito del Workshop ISPRA “Tecnologie alternative agli HFC made in Italy e opportunità per il sistema Italia”.

In tale sede è stato evidenziato l’impegno che l’industria della climatizzazione rappresentata da Assoclima sta dedicando   al processo di riconversione e innovazione tecnologica delle gamme di prodotto per limitarne sia l’impatto ambientale che il consumo energetico. Tale processo, tutt’ora in corso, si sta concretizzando grazie al progressivo impiego di gas refrigeranti a più basso GWP o naturali e tramite l’eco-progettazione di sistemi sempre più sofisticati ed efficienti, in un’ottica più ampia di economia circolare.  La tavola rotonda è stata inoltre l’occasione per segnalare alle istituzioni e agli altri stakeholder della filiera presenti in sala le criticità che l’industria della climatizzazione d’ambiente si trova ancora ad affrontare, soprattutto a causa di normative di sicurezza e antincendio che, da un lato, complicano le fasi di sviluppo e riprogettazione delle macchine e, dall’altro, ne limitano l’installazione e diffusione, specialmente sul mercato italiano.

Anche il risultato della ricerca avviata da ISPRA circa due anni fa mette in luce le difficoltà riscontrate dall’intero comparto del clima che hanno, di fatto, rallentato il processo di riconversione.
 
Dal confronto, è emerso chiaramente il generale allineamento delle parti coinvolte sulla necessità di avere al più presto uno scenario legislativo e normativo meno incerto e più coerente con le politiche ambientali intraprese sia a livello europeo che mondiale, soprattutto relativamente alle attività di produzione, stoccaggio e installazione di macchine con gas infiammabili. Questo consentirebbe all’industria e all’intera filiera di avviare con più decisione e in tempi ragionevoli tutti gli investimenti necessari, compresi quelli destinati alla formazione e certificazione del personale che opera sui circuiti frigoriferi.
 
Assoclima si è messa a disposizione di ISPRA e del ministero dell’Ambiente allo scopo di condividere e presentare, tramite i propri costruttori, quelle che saranno, nel prossimo futuro, le tecnologie “green” della climatizzazione d’ambiente. Lo studio pubblicato da ISPRA costituisce infatti una base di partenza, integrabile e implementabile in qualsiasi momento.