Accensione caloriferi: domande e risposte di Assotermica

Data comunicato stampa: 
16/10/2017

Oggi lunedì 16 ottobre si accendono i riscaldamenti. Case, uffici, supermercati più caldi. Ecco i suggerimenti, alert e consigli da parte di Assotermica, Associazione produttori di apparecchi e componenti per impianti termici. Nell’interesse di assicurare il miglior esercizio dell’impianto, in un momento in cui i costi in bolletta per i cittadini sono guardati con sempre maggior attenzione, ma soprattutto per garantirne la piena sicurezza, Assotermica è impegnata a diffondere alcune semplici linee guida.

Come ridurre i consumi e i costi in bolletta?

  •     Consigliamo di stabilire gli orari di funzionamento della caldaia, di non accenderla in fasce orarie in cui la casa è vuota. Mai superare i 20°C. Per ogni grado in più il consumo aumenta del 5-7% circa.
  •     Consigliamo di dormire a una temperatura più bassa: non è solo economico, ma salutare. Con le tapparelle abbassate si può ridurre del 50% la dispersione di calore.
  •     Consigliamo di limitare a 5-10 minuti il ricambio dell’aria a finestre aperte: un tempo superiore raffredda l’ambiente e rallenta il raggiungimento della temperatura stabilita.
  •    Consigliamo di spurgare periodicamente l’aria che si forma all’interno dei caloriferi, perché può peggiorarne le prestazioni.
  •    Consigliamo di non coprire o istruire i caloriferi con mobili o tendaggi.



A chi ci si deve rivolgere per la manutenzione?
Una scrupolosa manutenzione garantisce un adeguato livello di comfort e assicura, negli anni, le migliori prestazioni energetiche degli impianti. Il cittadino si deve rivolgere ad un tecnico abilitato, che esegue quanto dovuto nel rispetto delle regole dell’arte e della normative vigenti. Al termine delle operazioni deve rilasciare al responsabile dell’impianto un rapporto di controllo di efficienza energetica, che deve essere conservato insieme al libretto.

"La transizione energetica e il ruolo del sistema ibrido" è il nuovo volume di Assotermica destinato a chi vuole conoscere in maniera più approfondita caratteristiche e vantaggi dei sistemi ibridi per il riscaldamento, la soluzione per il comfort.

Dal sito del ministero dello Sviluppo economico è possibile poi scaricare un vademecum sugli impianti di riscaldamento elaborato da Assotermica in collaborazione con le associazioni dei consumatori e degli artigiani.

Assotermica - Associazione produttori apparecchi e component per impianti termici - rappresenta 60 industrie produttrici di apparecchi ed impianti termici e componenti destinati al comfort climatico ambientale.
Un settore che in Italia occupa circa 11.500 addetti e fattura oltre 2.000 milioni di euro, dei quali circa il 54% per l'esportazione.


 ANIMA - Federazione delle Associazioni Nazionali dell'Industria Meccanica Varia ed Affine – è l'organizzazione industriale di categoria che, in seno a Confindustria, rappresenta le aziende della meccanica varia e affine, un settore che occupa 212.000 addetti per un fatturato di 45 miliardi di euro e una quota export/fatturato del 58% (dati riferiti al consuntivo 2016). I macrosettori rappresentati da ANIMA sono: macchine ed impianti per la produzione di energia e per l'industria chimica e petrolifera - montaggio impianti industriali; logistica e movimentazione delle merci; tecnologie ed attrezzature per l'acqua e per prodotti alimentari; tecnologie e prodotti per l'industria; impianti, macchine prodotti per l'edilizia; macchine e impianti per la sicurezza dell'uomo e dell'ambiente; costruzioni metalliche in genere.

Aziende e prodotti

  • Elenco Soci e merceologie

    In questa sezione si trova il Repertorio delle Aziende associate ANIMA, database completo e funzionale delle imprese italiane del settore meccanico.